9 Maggio Mag 2019 0800 09 maggio 2019

Gli appuntamenti al femminile al Salone del libro di Torino

Al netto delle polemiche su fascismo e antifascismo, all'evento sono tanti gli incontri con e per le donne in programma da giovedì 9 a lunedì 13 maggio 2019 al Lingotto. La nostra guida.

  • ...
Salone Del Libro Torino Programma 2019 Donne

Dal 6 maggio ormai si discute solo su quanto sia antifascista partecipare o non partecipare al Salone internazionale del Libro di Torino dopo le polemiche legate alla presenza della casa editrice Altaforte, vicina a CasaPound. Ma l'evento è anche tanto altro: oltre ai 63mila metri quadri di stand espositivi, infatti, sono centinaia gli incontri organizzati da giovedì 9 a lunedì 13 maggio 2019 nell’area Lingotto fiere e in giro per la città. Un programma fittissimo in cui è facile sentirsi sopraffatti dall’offerta (e dalla folla). LetteraDonna ha scelto 16 incontri in cui sono protagoniste donne che parlano di femminismo e diritti, ma anche di amicizia, ambizione, rapporto con il proprio corpo e banali problemi quotidiani. Ecco quindi una breve guida su cosa non perdere, giorno per giorno.

C'È ANCHE ASTROSAMANTHA

Nel 2015 con 199 giorni in orbita intorno alla Terra Samantha Cristoforetti è stata la donna a compiere la missione più lunga nello spazio. In Diario di un'apprendista astronauta (edizioni La nave di Teseo) Astrosamantha racconta i mesi trascorsi sulla Stazione spaziale internazionale e giovedì 9 alle 14 è in Sala Oro per parlarne.

OGGI ADOLESCENTI DOMANI FEMMINISTE

Fra le idee che fanno da fil rouge alla 32esima edizione del Salone c’è la parità di genere, a cui è dedicato il percorso tematico Solo noi stesse curato da Loredana Lipperini e Valeria Parrella con incontri che ruotano intorno a cosa significa essere donna oggi. A dare il via, giovedì 9 alle 14.30 in Sala Atlantide, è una tavola rotonda guidata da Giusi Marchetta in cui a parlare di femminismo e violenze sono gli adolescenti.

CANTAMI O MCMUSA DEI TALENTI EMERGENTI

Novità del 2019 è Rita Bullwinkel, giovane scrittrice californiana. A Torino presenta Lingua nera (Black Coffee), la sua prima raccolta di racconti surreali in cui i corpi si trasformano in oggetti e gli oggetti in corpi. È un’occasione per chi vuole scoprire qualcosa di nuovo e a presentarla c’è la McMusa, blogger e guida di letteratura statunitense. Alle 15.30 in Sala Internazionale.

LA LITTIZZETTO È SEMPRE LA LITTIZZETTO

Ospite fissa del Salone, Luciana Littizzetto non manca neanche questa volta. Giovedì 9 alle 16 in Sala Oro presenta il suo ultimo libro Ogni cosa è fulminata (Mondadori), dedicato ai piccoli fastidi della vita quotidiana, dai tovagliolini del bar che non asciugano ai guasti incomprensibili della lavastoviglie. Lo stile e le gag sono noti, ma i fan possono sentire la comica torinese dal vivo. Il primo giorno è fatto e avete ancora tempo per un vermouth in centro.

Luciana Littizzetto.

GettyImages

EROINE SENZA TEMPO E SOVVERSIVE

Non inventano, ma riscrivono. Ilaria Bernardini, Valeria Parrella, Veronica Ramino, Caterina Bonvicini e Antonella Lattanzi a distanza di duemila anni riprendono e capovolgono le Heroides di Ovidio, le lettere che il poeta latino aveva scritto calandosi nei panni delle eroine mitologiche. Tre appuntamenti per ribaltare la prospettiva femminile, venerdì, sabato e domenica alle 15 in sala granata. A cura di HarperCollins.

LE SCRITTRICI SPAGNOLE OSPITI D'ONORE...

La lingua (e non il Paese) ospite della 32esima edizione è lo spagnolo, una scelta che sottolinea come la cultura oltrepassi i confini nazionali. Fra le scrittrici da non perdere Elvira Navarro: l’ultimo suo libro è La lavoratrice (Liberaria), in cui racconta la precarietà del lavoro in una periferia di Madrid dove si mescolano normalità e malattia mentale. Plaza de los lectores, venerdì 10 alle 14.30. Poi non dite che non ve l'avevamo detto.

...INSIEME ALLE COLLEGHE SUDAMERICANE

Mentre poco dopo a rappresentare la letteratura ispano-americana c'è Nona Fernández, autrice (ma anche attrice e sceneggiatrice) cilena che usa l’immaginazione per ricostruire quello che la dittatura di Pinochet ha distrutto. Alle 17.30 in Plaza de los lectores.

Nona Fernández.

DARIA BIGNARDI LEGGE ROSA LUXEMBURG

Era il 15 gennaio 1919 quando la filosofa e rivoluzionaria Rosa Luxemburg venne uccisa a Berlino. Contraria alla guerra e all’imperialismo era stata incarcerata durante la Prima guerra mondiale e aveva fondato il primo Partito comunista in Germania. Cento anni dopo, la scrittrice e conduttrice Daria Bignardi la ricorda attraverso le sue lettere. A cura di L’orma editore, sabato 11 alle 12 in Sala Granata.

COLLEGHE E AMICHE, KINSELLA E MOYES INSIEME

Una è l’ideatrice della serie I love shopping, l’altra è autrice del bestseller Io prima di te da cui è stato tratto il film con Emilia Clarke e Sam Claflin. Colleghe e amiche, Sophie Kinsella e Jojo Moyes, per la prima volta insieme in Italia, parlano di amicizia e scrittura presentando i rispettivi nuovi libri La famiglia prima di tutto! e Sono sempre io (entrambi editi da Mondadori). Sabato 11 maggio alle 17.30 in Sala Oro.

MICHELA MURGIA E L’UNIONE CHE FA LA (VERA) FORZA

Michela Murgia, autrice di Noi siamo tempesta (Salani), sabato 11 alle 18.30 all’Arena Bookstock parla di come essere uniti e collaborare è la vera forza. Un potere che purtroppo spesso le storie dimenticano esaltando eroi solitari. Qualcosa su cui meditare mentre tornate a casa. Se i piedi sono gonfi e doloranti state andando bene.

COSA È RIMASTO DEL FEMMINISMO?

La domenica mattina parte con una riflessione importante: cosa hanno ereditato le nuove generazioni dai femminismi del passato? È quello che si chiedono Grazia Gotti, Viola Lo Moro, Giulia Blasi, Francesca Mancini, Lidia Ravera nell’incontro Tutto il regno per te del ciclo Solo noi stesse. In collaborazione con il festival romano delle scrittrici InQuiete, è alle 10.30 in Sala Viola.

IL CIBO E IL CORPO DELLE DONNE

Elena vorrebbe dimagrire, Daniela è la massaggiatrice incaricata di rimodellarle il fisico. Le due donne, che attraverso ricordi e ricette scavano dentro il rapporto spesso conflittuale che ci lega al nostro corpo, sono le protagoniste di Cibo (ripubblicato da Guanda), opera del Premio Strega 2018 Helena Janeczek. L’autrice è in Sala Bianca domenica 12 maggio, alle 12.30.

UNA SCRITTRICE SCRIVE DI TUTTO

Venti racconti per dimostrare che le scrittrici sanno, possono e vogliono parlare di tutto. Scritti da Marguerite Yourcenar, Elsa Morante, Natalia Ginzburg, Margaret Atwood e il premio Nobel Alice Munro, per citarne solo alcune, I racconti delle donne (Einaudi), sono stati raccolti da Annalena Benini che ne parla domenica 12 alle 14.30 al Caffè Letterario.

LA DIFFICOLTÀ DI ESSERE MAMMA

Essere madri (e figlie) non è facile. Anzi. Nel suo ultimo libro, Matrigna (Solferino), Teresa Ciabatti esplora le pieghe buie della maternità e il rapporto tra fratelli e domenica 12 al Caffè Letterario alle 16.30 spiega le scelte stilistiche dei suoi romanzi.

EROINE LETTERARIE COME MODELLO PER CRESCERE

Se siete sopravvissute a quattro giorni vale la pena fare un ultimo sforzo il lunedì. Due gli incontri che vi segnaliamo prima della chiusura e l’arrivederci al 2020. Il primo è dedicato alle bambine dai 10 anni in su a cui Beatrice Masini offre un vasto repertorio di eroine letterarie a cui ispirarsi. Alle 10.30 in Sala El Dorado.

È QUASI FINITO, SI CHIUDE CON POESIA

Regione ospite della 36esima edizione sono le Marche ed è di Ancona Eleonora Giovannini, autrice di Io e Alda Merini. Quello che nessuno sa (Ermes). Il 13 maggio alle 15 nello spazio Marche la scrittrice racconta la poetessa milanese e l’universo femminile, dandovi la possibilità di portare i suoi versi con voi mentre rientrate a casa. Niente rimpianti invece se non siete riuscire a vedere tutto quello che vi eravate prefissate: il Salone del libro di Torino è una voragine da cui è già un successo uscire vive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso