15 Ottobre Ott 2018 1612 15 ottobre 2018

La clip esclusiva del film "Le ereditiere"

Una storia di seconde possibilità. Anche per donne sole, lesbiche, di 60 anni e in Paraguay in una società divisa tra chi può e chi non può. Uno sguardo inedito al film di Marcello Martinessi acclamato a Festival di Berlino.

  • ...
Ereditiere Film Clip

Un film sulle seconde possibilità. Anche per donne sole, lesbiche, di 60 anni e in Paraguay in una società da sempre divisa tra chi può e chi non può. Ma anche una pellicola capace, per la prima volta, di evadere dai confini nazionali essere in concorso ad un festival europeo, quello di Berlino. E a vincere l’Orso d’Argento per la Miglior Attrice (Ana Brun), il premio Alfred Bauer e con il premio Fipresci della critica internazionale. Le ereditiere di Marcello Martinessi è una di quelle storie che arrivano da lontano, ma per fortuna arrivano. Il 18 ottobre sarà nei cinema italiani e LetteraDonna vi omaggia di una clip esclusiva.

Le ereditiere è ambientato ad Asuncion, nei giorni nosti. Chela (Ana Brun) e Chiqui, entrambe tra i 50 e i 60, sono una coppia, nascosta, da molto tempo. Discendenti di una borghesia decaduta, vivono in una bella casa ereditata dove tutto è in vendita, tranne i muri. Perché i soldi son finiti da un pezzo. Poi Chela, che non ha mai affrontato la vita, resta sola e deve imparare a cavarsela, si reinventa tassista per un gruppo di anziane signore benestanti e incontra la giovane Angy con la quale stabilirà un legame che la porterà ad aprirsi al mondo e a intraprendere una rivoluzione personale. Girato con uno stile sobrio e controllatissimo da un regista dal nome italiano e vincitore a Venezia con un corto nel 2017, Las Herederas è il film di un uomo che racconta solo donne, le due protagoniste e quelle che stanno loro intorno. Un sapiente affresco della ex classe agiata del Paraguay che rivela un Paese poco noto con lo stile e il linguaggio caro al suo autore, amante di un cinema dell’allusione, del non detto, con una forte vocazione a farsi ritratto, analisi, antropologia di un mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso