17 Giugno Giu 2019 1354 17 giugno 2019

Lo spot contro i pregiudizi della Nazionale femminile tedesca

«Giochiamo per un Paese che non sa nemmeno i nostri nomi». «Sapete che c'è? Non abbiamo le palle, ma sappiamo come usarle». Il video virale delle campionesse di Germania in occasione dei Mondiali.

  • ...
Germania Nazionale Mondiale Femminile Spot Stereotipi

«Sai come mi chiamo?», chiede una calciatrice rivolgendosi alla telecamera. «E io?», dice una sua compagna di squadra. «Giochiamo per un Paese che non sa nemmeno i nostri nomi». A parlare sono le campionesse della Nazionale di calcio femminile, che partecipano ai Mondiali in Francia, nel potente spot realizzato dalla banca Commerzbank in partenership con la squadra, con la mission di far riflettere sui pregiudizi e le discriminazioni presenti in un mondo, quello del pallone, considerato ancora prettamente maschile. Lo raccontano benissimo le calciatrici stesse: «Da quando abbiamo iniziato a giocare, non abbiamo affrontato solo le squadre avversarie. Ma soprattutto i pregiudizi: le donne sono buone solo per fare figli. E per fare il bucato». Ma loro non ci stanno: «Sapete che c'è? Non abbiamo le palle, ma sappiamo come usarle» è diventato il titolo del video virale sui social network, dove le ragazze spiegano di voler essere semplicemente quello che desiderano senza tabù né limitazioni: «Siamo quelle che si truccano, ci piace indossare i tacchi alti. E i calzettoni sopra il ginocchio». Perché essere sportive non esclude l’essere femminili e viceversa. E poi ci sono i titoli vinti dal 1989 a oggi, anche questi dimenticati: «Siamo state tre volte campioniesse d’Europa, giusto? No, abbiamo vinto gli Europei otto volte». E non è tutto: raccontano che per la vittoria del loro primo titolo, sono state premiate con un set da the. Per concludere il video, infine, il messaggio finale per tutti gli spettatori e le spettatrici dei Mondiali 2019: «Non preoccupatevi, non vi serve sapere chi siamo. Basta sappiate cosa vogliamo: giocare il nostro gioco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso