7 Giugno Giu 2019 1815 07 giugno 2019

Le 23 convocate dell'Italia per il Mondiale di calcio femminile

Le parate di Laura Giuliani, la leadership di Sara Gama, i dribbling di Barbara Bonansea, i gol di Ilaria Mauro e Cristiana Girelli. Una per una, chi sono le Azzurre a scendere in campo in Francia.

  • ...
Mondiali Calcio Femminile Convocate Italia

La sua prima volta dopo 20 anni. L'Italia del calcio femminile è pronta a disputare il Mondiale in Francia, e per le Azzurre convocate dal ct Milena Bartolini si tratta di un appuntamento con la storia, oltre che di un Mondiale da vivere con particolare attenzione di pubblico per la crescita del movimento nell'ultimo anno, l'interesse in aumento da parte dei media e la coincidenza con la mancata qualificazione della Nazionale maschile ai Mondiali di Russia 2018.

UN PERCORSO DI QUALIFICAZIONE PERFETTO

Le Azzurre si presentano comunque bene al Mondiale, forti di un percorso di qualificazione condotto con sette vittorie e una sola sconfitta nell'ultimo ininfluente match contro il Belgio, con una difesa blindata che ha subito solo quattro gol in otto partite. Il girone non è dei più semplici, ma nemmeno impossibile. L'Australia, vicecampione d'Asia, sembra più forte, ma l'Italia può giocarsi il secondo posto e quindi il passaggio del turno con un Brasile anziano e molto meno forte che in passato. La prima partita delle Azzurre, contro l'Australia, è in programma per domenica 9 giugno alle 13, la seconda, con la Giamaica, sarà venerdì 14 giugno alle 18, la terza, col Brasile, martedì 18 giugno alle 21.

UNA ROSA COMPETITIVA E SOLIDA

Per fare un bel Mondiale e migliorare il risultato del 1999, quando le Azzurre si fermarono alla prima fase a gironi, serviranno le parate di Laura Giuliani, la leadership di Sara Gama, le discese di Alia Guagni, i dribbling di Barbara Bonansea, i gol di Ilaria Mauro e Cristiana Girelli. Le sensazioni sono comunque positive, e la rosa di 23 giocatrici appare estremamente competitiva. Conosciamole una per una con questa photogallery.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso