Femminismo

Femminismo

9 Ottobre Ott 2019 0843 09 ottobre 2019

Il femminismo di John Lennon in due delle sue canzoni

Il cantautore, nato il 9 ottobre 1940, ha aderito tardi alla lotta per l'emancipazione. Ma, in brani come Woman is the nigger of the world Woman, ha messo in evidenza il valore delle donne.

  • ...
john lennon woman femminismo

Quella di John Lennon con il femminismo è una storia controversa. Se si scava nel passato del frontman dei Beatles, infatti, si scoprono trascorsi da misogino, ben poco avvezzo al rispetto delle donne e fin troppo abituato a imporre la propria opinione con la violenza. Un lato oscuro che, spesso, ha trovato spazio (seppur non in maniera esplicita) in molte delle canzoni della band di Liverpool. Come Getting better, pezzo in cui il protagonista che maltratta la sua donna non è altro che Lennon, come rivelò in un'intervista: «Ero io. Ero abituato ad essere crudele con la mia compagna e con qualsiasi altra donna. Le picchiavo. Non sapevo come esprimermi se non con le mani». Atteggiamento questo dal quale, molti anni dopo, il cantante ha cercato di redimersi, ritornando sui suoi passi e provando a smussare gli spigoli di un carattere che nessuno avrebbe mai accostato al personaggio che tanto aveva rivendicato la pace nel mondo. Larga parte del merito di quest’illuminazione va riconosciuto, senza dubbio, a Yoko Ono, compagna di vita e musa di molti dei suoi pezzi da solista. Tra cui Woman is the nigger of the world e Woman, le testimonianze più evidenti della conversione di Lennon alla causa femminista. In occasione dell'anniversario della nascita del cantautore, proviamo a spiegarne i motivi che le hanno rese inni al girl power.

WOMAN IS THE NIGGER OF THE WORLD, UN INNO CONTRO IL SESSISMO

Scritta nel 1972 in collaborazione con la Plastic Ono Band e inserita nell’album Some time in New York City, la canzone è considerata uno dei più importanti inni contro il sessismo e la sottomissione delle donne all’autorità dell’uomo. Un argomento che il cantante ha scelto di trattare in una chiave parecchio controversa, accostando la condizione femminile a quella degli schiavi afroamericani. Il titolo, Woman is the nigger of the world è un omaggio a una frase coniata da Yoko Ono in un’intervista per il magazine Nova e anticipa un testo in cui la condanna del maschilismo è tutt’altro che figurata. Nelle parole di Lennon, l’uomo viene dipinto come mosso unicamente dall’egoismo e capace di pensare alla sua compagna semplicemente come uno strumento per soddisfare i propri bisogni. Imponendole di «truccarsi e ballare» o di «partorire e fare figli», dimostra di non riuscire a vedere al di là di se stesso e di un delirio di onnipotenza che manifesta maltrattandola e costringendola a barattare sogni e ambizioni con un rapporto che finisce per annullarla. Per quanto parecchie siano state le voci contrarie (tra cui quella delle donne di colore, che più che un manifesto femminista hanno visto nella canzone l’ennesima discriminazione a sfondo razziale), le attiviste e i movimenti a favore della parità di genere hanno accolto positivamente il tentativo di John e Yoko di alzare la voce su un tema che, almeno negli Anni ’70, non aveva avuto tutta l’attenzione che avrebbe meritato.

IL TESTO

Woman is the nigger of the world
Yes, she is, think about it
Woman is the nigger of the world
Think about it, do something about it
We make her paint her face and dance
If she won't be a slave, we say that she don't love us
If she's real, we say she's trying to be a man
While puttin' her down, we pretend that she's above us
You know, woman is the nigger of the world, yeah
If you don't believe me, take a look at the one you're with
Woman is the slave to the slave
Ah, yeah, if you believe me, scream about it
We make her bear and raise our children
And then we leave her flat for being a fat old mother hen
We tell her, home is the only place she should be
Then we complain that she's too unworldly to be our friend
Well, now, woman is the nigger of the world, yeah, she is
If you don't believe me, take a look at the one you're with
Woman is the slave to the slave
Yeah, if you believe me, you better scream
We insult her every day on TV
And wonder why she has no guts or confidence
When she's young we kill her will to be free
This is the one that I can never remember
But you get the message anyway
You know that woman is the nigger of the world
Yes, she is, if you don't believe me, take a look at the one you're with
Woman is the slave to the slave
Yeah, Connely was right, we scream it
We make her paint her face and dance
We make her paint her face and dance
We make her paint her face and dance
You know, we make her paint her face and dance
Dance, dance, dance, dance, dance, dance
We make her paint her face and dance​

La donna è la negra del mondo
Sì, lo è, pensaci bene
La donna è la negra del mondo
Pensaci e prova a fare qualcosa in proposito
La costringiamo a truccarsi e a ballare
Se non vuole essere una schiava, le diciamo che non ci ama
Se è autentica, le diciamo che cerca di essere un uomo
Mentre la umiliamo, fingiamo che sia superiore a noi
La donna è la negra del mondo, sì, lo è
Se non mi credi, dà un’occhiata alla persona con cui stai
La donna è la schiava degli schiavi
Ah sì, puoi dirlo forte!
La costringiamo a rimanere incinta e a prendersi cura dei nostri figli
E poi la lasciamo a crogiolarsi perché è diventata vecchia e grassa
Le diciamo che a casa è l’unico posto dove deve stare
E poi ci lamentiamo che è troppo sempliciotta per esserci amica
La donna è la negra del mondo, sì, lo è
Se non mi credi, dà un’occhiata alla persona con cui stai
La donna è la schiava degli schiavi
Sì, pensaci bene!
La insultiamo tutti i giorni in televisione
E ci meravigliamo perché non ha coraggio o fiducia
Quando è giovane soffochiamo il suo desiderio di libertà
Mentre le diciamo di non comportarsi in modo così brillante
La disprezziamo per essere così stupida
La donna è la negra del mondo
Sì, lo é e se non mi credi
Dà un’occhiata alla persona con cui stai
La donna è la schiava degli schiavi
Sì, Connely aveva ragione, urliamolo pure
La costringiamo a truccarsi e a ballare
La costringiamo a truccarsi e a ballare
La costringiamo a truccarsi e a ballare
Sì, la costringiamo a truccarsi e a ballare
Ballare, ballare, ballare, ballare, ballare, ballare
La costringiamo a truccarsi e a ballare​

WOMAN, UN OMAGGIO «ALL'ALTRA METÀ DEL CIELO»

La collaborazione con Yoko Ono non è stato l’unico passo del cantante verso il femminismo. E la canzone Woman lo dimostra in pieno. Perché non è solo una dedica d’amore alla donna con cui condivideva musica e quotidianità, ma anche un delicato omaggio a tutto il genere femminile, definito come «l’altra metà del cielo». Non c’è più spazio per l’invettiva rabbiosa né per la condanna della tossicità di certi atteggiamenti maschili. Anzi: Lennon riconosce di essere in debito con la donna cui si rivolge e di non avere sufficienti parole di gratitudine e rispetto per ringraziarla di «avergli mostrato il significato del successo» e per non avergli mai risparmiato quell’amore e quella comprensione che lo hanno fatto andare avanti nonostante le difficoltà. Dunque, non più una schiava o un oggetto sessuale, ma una presenza complementare e pari a lui, degna di attenzione e diritti.

IL TESTO

For the other half of the sky
Woman, I can hardly express
My mixed emotions at my thoughtlessness
After all I'm forever in your debt
And woman, I will try express
My inner feeling and thankfulness
For showing me the meaning of success
Ooo, oo-oo-oo, oo-oo, well, well
Doo-doo-doo, doo-doo
Ooo, oo-oo-oo, oo-oo, well, well
Doo-doo-doo, doo-doo
Woman, I know you understand
The little child inside the man
Please remember my life is in your hands
And woman, hold me close to your heart
However distant don't keep us apart
After all it is written in the stars
Ooo, oo-oo-oo, oo-oo, well, well
Doo-doo-doo, doo-doo
Ooo, oo-oo-oo, oo-oo, well, well
Doo-doo-doo, doo-doo, well
Woman, please let me explain
I never meant to cause you sorrow or pain
So let me tell you again and again and again
I love you (yeah, yeah) now and forever
I love you (yeah, yeah) now and forever
I love you (yeah, yeah) now and forever
I love you (yeah, yeah) now and forever

Per l'altra metà del cielo
Donna, difficilmente riesco a esprimere
Le mie emozioni e la mia sconsideratezza
Dopo tutto sono sempre in debito con te
E donna, proverò a dare voce
Ai miei sentimenti e alla gratitudine che provo per te
Che mi hai mostrato il significato del successo
Ooo, oo-oo, oo-oo, bene, bene
Doo-doo-doo, doo-doo
Ooo, oo-oo, oo-oo, bene, bene
Doo-doo-doo, doo-doo
Donna, so che capisci
Il bambino che si nasconde dietro l'uomo
Ti prego, ricorda che la mia vita è nelle tue mani
E donna, tienimi stretto al cuore
Neppure la distnza è in grado di separarci
Dopo tutto è scritto nelle stelle
Ooo, oo-oo, oo-oo, bene, bene
Doo-doo-doo, doo-doo
Ooo, oo-oo, oo-oo, bene, bene
Doo-doo-doo, doo-doo
Donna, ti prego, lasciami spiegare
Non avrei mai voluto farti soffrire
Lascia che io ti dica ancora e ancora e ancora
Ti amo, sì, adesso e per sempre
Ti amo, sì, adesso e per sempre
Ti amo, sì, adesso e per sempre
Ti amo, sì, adesso e per sempre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso