Aborto Testimonianza Pillola Abortiva

Diritto all'aborto

21 Agosto Ago 2019 1717 21 agosto 2019

Alyssa Milano: «Ho abortito due volte: non ero pronta per fare la madre»

L'attrice, ha spiegato nel corso del suo podcast le ragioni che l'hanno portata a interrompere due gravidanze oltre 20 anni fa. «I motivi di tutte le donne che l'hanno fatto sono reali. Sono nostri e non riguardano nessun altro».

  • ...
Alyssa Milano Aborto

«Sapevo di non essere attrezzata per fare la madre, quindi ho scelto di abortire per due volte»: a parlare con estrema sincerità è l'attrice Alyssa Milano (ex protagonista di Streghe, oggi 46enne, e attivista del movimento #MeToo) che nell’ultima puntata del suo podcast, Alyssa Milano: Sorry Not Sorry ha scelto di raccontare di aver scelto di interrompere la gravidanza due volte, oltre 25 anni fa. «Ho scelto. È stata una mia scelta. Ed è stata assolutamente la scelta giusta per me». Non significa però che sia stata una decisione presa a cuor leggero: «Non è stata una scelta facile. Non era un qualcosa che volevo, ma era qualcosa di cui avevo bisogno, come accade per la maggior parte delle cure sanitarie». A maggio l'attrice, che oggi ha due figli di quattro e sette anni, si era esposta pubblicamente contro la legge anti-aborto approvata in Georgia, lanciando per protesta uno sciopero del sesso finché le donne non avrebbero avuto la possibilità di scegliere.

«MI RITROVAI IN CONFLITTO CON LA MIA FEDE»

L'attrice ha raccontato nel podcast che oltre 20 anni fa aveva una relazione stabile e prendeva precauzioni. In quel periodo stava assumendo un farmaco per curare l'acne che poteva causare malformazioni in caso di gravidanza. «Sono rimasta incinta ed è stato devastante. Sono cresciuta come cattolica e mi sono ritrovata improvvisamente in conflitto con la mia fede. Una fede che iniziavo a capire consentiva solo agli uomini di prendere ogni singola decisione su ciò che era permesso e su ciò che invece non lo era. Avevo davanti una potenziale carriera e un potenziale futuro. Inoltre, soffrivo di crisi d’ansia». Così ha deciso di abortire.

«I MOTIVI SONO DI NOI DONNE, E DI NESSUN ALTRO»

Pochi mesi dopo, nonostante avesse continuato a usare metodi contraccetivi, avrebbe scoperto di essere di nuovo in attesa di un bambino. E avrebbe deciso di prendere di nuovo la stessa decisione: «Avevo fatto ciò che sapevo per prevenire una gravidanza ma ero ancora incinta, quindi ancora una volta ho deciso di interrompere quella gravidanza», spiega, senza essersi pentita di quella decisione: «Non avrei avuto i miei figli, i miei figli belli, perfetti, amorevoli, gentili e curiosi che hanno avuto una madre davvero pronta per loro». E ancora: «Non avrei avuto la mia carriera. Non avrei avuto la capacità o gli strumenti che oggi uso per combattere contro i pregiudizi con tutto il cuore. Non avrei mai incontrato il mio fantastico marito, David, il cui amore costante e incommensurabile mi sostiene». Questo racconto è per tutti coloro che credono che l'aborto sia un crimine e non possa essere una scelta personale: «I motivi di tutte le donne che hanno abortito sono reali. Sono nostri e non riguardano nessun altro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso