We Can Do It!

Diritti

30 Maggio Mag 2019 1525 30 maggio 2019

Al Primavera sound 2019 il 50% degli artisti è donna

Il festival musicale va in scena al Parc del Fòrum di Barcellona dal 30 maggio al primo giugno. Ed è la prima iniziativa concreta per combattere la discriminazione di genere. Anche sul palco.

  • ...
Primavera Sound 2019 Artisti Donna

Il Primavera sound 2019 ha deciso di combattere la discriminazione di genere anche sul palco. Lo storico festival, in scena al Parc del Fòrum di Barcellona dal 30 maggio al primo giugno, ha annunciato che nel cast di quest'anno il 50% degli artisti è donna. Con una varietà di generi che va dell'heavy metal al reggaeton. In tutto al Primavera Sound ci saranno 295 artisti provenienti da 40 Paesi del mondo. Il 50,7% sono donne, il 41,9% uomini. Il resto sono gruppi oppure hanno preferito non darsi un'etichetta di genere.

LA NUOVA NORMALITÀ (CHE FA NOTIZIA)

Gli organizzatori del festival hanno pubblicato un post sul loro sito web intitolato "Equality, Eclecticism and audacity in the revolutionary line up of Primavera sound 2019", in cui spiegano che notizie come questa dovrebbero essere «la nuova normalità». E sui social network hanno usato l'hashtag #thenewnormal, per ribadire il concetto.

QUATTRO BIG FEMMINILI SU OTTO

«La parità di genere è un principio fondamentale del Primavera sound», si legge nel post. Sul palco saliranno nomi del calibro di Erykah Badu, Tame Impala, Cardi B, J Balvin, Rosalia, Future, Nas e Solanage. Nel corso della tre gioni suoneranno anche Charli XCX, Christine and the Queens, Jawbreaker, Robyn, Interpol, James Blake, Carly Rae Jepson, Primal Scream, Suede e molti altri. Con quattro big femminili su otto, il festival punta a dare l'esempio nella lotta per l'uguaglianza di genere: «Avremmo dovuto farlo secoli fa. Se metà del nostro pubblico è di sesso femminile, perché non dovrebbe essere così anche nel cast?». In tutto il mondo i fan hanno reagito in maniera positiva.

ALTRI FESTIVAL SI SONO IMPEGNATI PER LA PARITÀ DI GENERE ENTRO IL 2022

Insomma: sul fronte della parità di genere, anche nel mondo della musica qualcosa si sta muovendo. Molti festival puntano infatti a raggiungere il 50 e 50 tra uomini e donne entro il 2022. Ben 45 festival internazionali, tra i quali Brighton's Great Escape, Cheltenham Jazz Festival, Liverpool Sound City e Pop-Kultur hanno preso questo impegno. Un cambiamento importante, se è vero che nel 2017 l’80% degli headliner nei festival inglesi erano uomini e nell'ultimo decennio su 660 eventi solo 37 sono stati tutti al feminile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso