1 Febbraio Feb 2019 1656 01 febbraio 2019

Lady Gaga ha difeso Kesha nel processo contro Dr. Luke

La popstar chiamata a testimoniare al processo contro il produttore accusato di abusi sessuali nei confronti della collega: «Ha vissuto un’esperienza traumatica. Dovreste vergognarvi».

  • ...
Lady Gaga Kesha Processo Dr Luke

Nonostante i luoghi comuni, le donne sanno fare squadra e supportarsi a vicenda anche nei momenti più dolorosi. È il caso della popstar Lady Gaga che ha fieramente difeso la collega Kesha nella sua battaglia legale contro Dr. Luke, il suo produttore (qui trovate il riassunto del caso). La deposizione della cantante risale al 2017, ma è stata desecretata solo in questi giorni e riporta sotto i riflettori tutta la vicenda, iniziata nel 2014, quando Kesha denunciò per abusi sessuali e psicologici Dr. Luke.

GAGA IN AULA: «SAPETE COSA VUOL DIRE PER I SOPRAVVISSUTI?»

«Sapete, quando gli uomini aggrediscono le donne non invitano altre persone a guardare», ha risposto la candidata all'Oscar per A Star is Born quando le è stato chiesto se fosse a conoscenza di qualche dettaglio ulteriore sulla vicenda. «Perché mai questa ragazza direbbe al mondo intero quello che è successo? Perché mai? Sapete cosa vuol dire per i sopravvissuti? Sapete cosa vuol dire dirlo alla gente? Non alzate gli occhi al cielo. Dovreste vergognarvi di voi stessi», ha dichiarato senza mezzi termini. E quando sono stati avanzati dei dubbi sulla verità di quando affermato dalla vittima, Kesha, ha risposto: «Credo che sia vero. Ho visto la sua depressione, ho visto il suo bisogno di supporto e amore. Questa ragazza ha passato un’esperienza traumatica, e ci si trova ancora nel mezzo. Tutti voi ne fate parte». L'avvocato dell'accusato ha insistito, affermando che molte persone vengono ingiustamente accusate di stupro. «Cosa mi dice di tutte le donne che sono accusate di essere delle bugiarde e di come lei (Kesha) è stata presentata come una poco di buono davanti a tutto il mondo, cosa mi dice di questo?», ha replicato Gaga, a sua volta vittima di uno stupro quando aveva 19 anni, difendendo in quell'aula non solo la collega famosa, ma tutte le vittime di violenza e il loro diritto a essere ascoltate e credute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso