19 Febbraio Feb 2018 1151 19 febbraio 2018

La campagna #NobodysDoll all’inaugurazione della Berlinale 2018

Lanciata da Anna Brüggemann, invita le attrici a non indossare abiti e tacchi alti perché 'siamo artiste, non bambole'. Matilda De Angelis contro: «Libere di vestirci come vogliamo».

  • ...
Anna Brüggemann Berlinale

Vestirsi su un prestigioso red carpet con un bell'abito e un paio di tacchi alti è anti-femminista?
Secondo Anna Brüggemann decisamente sì: l'attrice tedesca classe 1981 nel giorno dell'inaugurazione della Berlinale 2018 ha infatti lanciato la campagna #NobodysDoll (la bambola di nessuno), con l'obiettivo di invitare tutte le donne presenti a non sentirsi costrette a indossare outfit che le faccessero apparire bellissime ma non a proprio agio. Insomma, niente vestiti appariscenti né tacchi vertiginosi, ha suggerito Brüggemann alle colleghe, per essere trattate come «artiste e non bambole». E la campagna ha trovato il supporto di una settantina di firmatari.
«La mia campagna si basa sul chiedersi quando la donna è diventata un oggetto che gli uomini sentono di avere il diritto di possedere, di decidere cosa deve indossare e quanto deve essere lungo il suo vestito», ha spiegato l'attrice tedesca al Guardian. «Quando il movimento Me Too ha preso vita, ho pensato che l'uguaglianza inizia quando le donne davvero smettono di pensare ai propri corpi come a qualcosa da migliorare».

MATILDA DE ANGELIS: «LIBERE DI INDOSSARE UN PAIO DI TACCHI»

Non tutte le attrici, comprensibilmente, sono d'accordo con l'idea della petizione. Tra queste c'è la giovanissima italiana Matilda De Angelis che non crede che un abito limiti la libertà: «Senza sminuire un discorso che è certamente mosso da ideali importanti, non penso che quando si parla di pari opportunità o femminismo si parli esattamente di questo. Secondo me la libertà di una donna è di mettersi i tacchi alti se vuole e sentirsi bella per se stessa e non necessariamente per gli altri», ha dichiarato. «Io quando faccio il red carpet sono contenta di indossare tacchi e alti e vestirmi in modo diverso da tutti i giorni. Sono contenta di sentirmi bellissima per una sera, sono contenta di sentirmi sexy per una sera e non penso che ci sia niente di male in tutto questo. È un gioco e va preso come tale».
E voi, da che parte state?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso