13 Maggio Mag 2019 1611 13 maggio 2019

È morta Doris Day, icona del cinema americano

Una vita di successi, con 39 film all'attivo. Dall'infanzia travagliata al film con Hitchcock, storia dell'attrice e cantante che se ne è andata a 97 anni.

  • ...
Doris Day Morta

Una vita di successi continui, con 39 film all'attivo, 650 registrate, una candidatura al premio Oscar, la vittoria di un Golden Globe e di un Grammy. Se ne è andata a 97 anni da poco compiuti l'attrice e cantante statunitense Doris Day, nome d’arte di Doris Mary Anne Kappelhoff.

IL SUCCESSO DOPO UN'INFANZIA DIFFICILE

Figlia di un musicista e di un'appassionata d'arte, entrambi profughi dalla Germania del primo dopoguerra, Doris (i genitori scelsero di chiamarla così in omaggio all’attrice Doris Kenyon, famosa ai tempi dei film muti) arriva al successo dopo un'infanzia travagliata: prima la morte del fratello maggiore, poi la separazione dei genitori, infine un drammatico incidente d'auto che le preclude il sogno di diventare ballerina classica. Sceglie di seguire la passione del padre per il canto, e allo scoppiare del secondo conflitto mondiale è già una star. E tuttavia sarà il cinema a cambiarle la vita, grazie ad un incontro casuale con il regista Michael Curtiz. Un successo immediato che la porta ad un lungo contratto con la Warner e a 39 film nel ruolo che la renderà famosa, quello della fidanzata d'America.

LA GRANDE OCCASIONE CON HITCHCOCK

Sono quasi tutte commedie sorridenti e rassicuranti, ma sempre realizzate con impeccabile professionismo da Tè per due a Non sparare, baciami (il suo preferito) diretti a ritmi alterni da Curtiz e David Butler. Nel 1956, allo scadere del contratto con la Warner, stregò anche Alfred Hitchcock, che dopo averla casualmente conosciuta in un party qualche anno prima, le offrì l'occasione forse più allettante della sua carriera, e lei rispose con un'interpretazione di grande intensità, tanto da sorprendere favorevolmente anche la critica dell'epoca in L'uomo che sapeva troppo.

Doris Day con James Stewart in una foto di scena del film 'L'uomo che sapeva troppo' (1956).

I DUE MATRIMONI E LA CAUSA ANIMALISTA

Nel 1951 sposa, all'età di 27 anni, il suo agente Marty Melcher che adotta il figlio Terry. Marty la spinge negli Anni '60 a firmare dei contratti per alcuni film che lei non vuole interpretare. Per questo precipita in un forte esaurimento nervoso. Durante gli anni del matrimonio lui dilapida i 20 milioni di dollari da lei guadagnati lasciandola sul lastrico. Ma dopo la sua morte avvenuta nel 1969, Doris riconquista il patrimonio perduto grazie ad una causa contro il suo avvocato che, insieme al marito, aveva contribuito al dissesto finanziario. Da questo momentoDoris si allontana dal grande schermo e firma un contratto per la televisione, dove il Doris Day Show otterrà immutato successo fino al '75. Nel 1976 si risposa con Barry Comden per poi divorziare nel 1980. Negli ultimi anni, vegetariana convinta e attivista repubblicana, viveva in un ranch, circondata dagli amati cani. In California, dove viveva, dirigeva la Doris Day Pet Foundation, fondazione a suo nome per i diritti degli animali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso