Violenza Sulle Donne

Violenza sulle donne

19 Febbraio Feb 2019 1530 19 febbraio 2019

Io non mi volto, il libro di Paolo Spadacini contro la violenza sulle donne

Il fotografo di moda e reportage ha raccolto 101 ritratti di personaggi celebri per sostenere la lotta contro i maltrattamenti femminili. Michelle Hunziker ha posato per la copertina.

  • ...
Paolo Spadacini Libro Violenza Sulle Donne

Il fenomeno della violenza di genere, in Italia, ha raggiunto stime scioccanti. Ogni tre giorni si verifica un femminicidio e risulta che una donna su tre abbia subito soprusi. E preoccupante è una grande indifferenza sociale, che non fa che incentivare la frequenza degli episodi. Paolo Spadacini, importante fotografo di moda e reportage, con l’obiettivo di combattere questa impassibilità popolare, ha voluto dare il suo contributo artistico. La sua ultima creazione è Io non mi volto, un libro che raccoglie 101 personaggi famosi del mondo del cinema, della cultura, della televisione e dello sport che si sono schierati a supporto delle vittime, mettendo a disposizione la propria immagine per patrocinare la causa.

I NOMI CHE HANNO PARTECIPATO AL PROGETTO

Sono molti i personaggi, sia donne che uomini, che hanno partecipato agli scatti: Valentina Vezzali, Melissa satta, Lina Wertmüller, Mara Maionchi, Malika Ayane. E ancora, Umberto Veronesi, Stefano Zecchi, Vittorio Sgarbi, Davide Oldani, Aldo Grasso, Pippo Baudo, Alessandro Cecchi Paone, Carlo Ancelotti. La presentazione ufficiale del volume si è svolta al Teatro Franco Parenti di Milano mercoledì 13 febbraio. L’occasione ha visto anche l’intervento di don Mazzi, che da lungo tempo lavora a contatto con i ragazzi affiancandoli nei loro percorsi riabilitativi. Le sue parole di denuncia erano rivolte a tutti coloro, cattolici e non, che non hanno rispetto per le donne.

PARTE DEI FONDI È DESTINATA ALLA FONDAZIONE DOPPIA DIFESA ONLUS

Michelle Hunziker, che ha posato per la copertina, durante l'evento ha raccontato di aver presentato la proposta di legge «Codice Rosso» per sollecitare l’intervento della pubblica sicurezza entro le 72 ore dalla denuncia del maltrattamento. A causa di un atteggiamento sminuente o minimizzante molte donne hanno perso la vita e anche l’incolumità dei loro figli è spesso messa a rischio. Una parte dei fondi raccolti con il libro è stata destinata a Doppia Difesa, la Fondazione Onlus fondata dalla conduttrice e dall’avvocata Giulia Bongiorno per aiutare le vittime di discriminazioni e abusi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso