28 Novembre Nov 2018 0930 28 novembre 2018

Chi è Teresa De Santis, nuova direttrice di RaiUno

Prima donna alla guida della prima rete di viale Mazzini. La formazione al Manifesto e i trascorsi dalemiani. Fino al grande salto in quota leghista. Il ritratto.

  • ...
Teresa De Santis Chi E

Teresa De Santis, in quota Lega, è la prima direttrice di RaiUno nella storia della tivù pubblica, dopo una ininterrotta serie di guide tutte al maschile. Nata a Roma nel 1955, ha iniziato la carriera come redattrice al Manifesto, allieva di Valentino Parlato e specializzata proprio sulle materie televisive. In quel periodo ha collaborato anche con Panorama e L'Europeo. È stata in passato vicina all'area dalemiana, che poi nel tempo ha abbandonato per sviluppare simpatie leghiste.

L'APPRODO IN RAI AL TG3 NEL 1995

L'approdo definitivo alla Rai è arrivato nel 1995, con l'assunzione al Tg3 come redattrice. Tre anni dopo la promozione a caposervizio, poi il distacco alle Relazioni istituzionali. Nel 2000 un nuovo capitolo: capo struttura per l’informazione con la responsabilità dei mezzi di produzione. Nel 2002 è stata nominata vicedirettore di RaiUno con la responsabilità della Pianificazione economia e mezzi: poi è stata spostata alla vicedirezione di Televideo durante la direzione di Mauro Mazza.

I DISSIDI CON FABRIZIO DEL NOCE

I dissidi con Fabrizio Del Noce, all'epoca direttore di RaiUno, risalgono al periodo in cui quest'ultimo, nel 2005, fu ricoverato per dei bypass coronari. In quell’occasione De Santis chiese all’allora direttore generale Rai Alfredo Meocci di avere le deleghe di direttore. Quando Del Noce lo scoprì, per caso, si infuriò. Fu il suo successore, Mauro Mazza, a relegare De Santis al Televideo. A suo carico sono stati aperti tre i procedimenti, uno dei quali per assenteismo. Il Codacons l’ha accusata di pubblicità occulta per il programma Oltremoda e di far parte di un giro di affari illecito con delle case di moda. È stata sempre assolta da tutte le accuse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso