1 Novembre Nov 2018 0800 01 novembre 2018

Chi è Lara Mori, l'unica ginnasta italiana in finale ai Mondiali di Doha

Dopo il 12esimo posto nella gara a squadre, il nostro Paese si affida alla performance della 20enne toscana nell'ultimo atto del concorso all around. 

  • ...
Lara Mori ginnastica artistica mondiali doha 2018

Il turno di qualificazioni dei Mondiali 2018 di ginnastica artistica si è rivelato povero di soddisfazioni per l’Italia. E se la squadra ha concluso le sue gare con un 12esimo posto (che ha comunque garantito l’accesso ai Mondiali di Stoccarda del 2019, utili a conquistare uno dei 9 pass rimasti per le Olimpiadi di Tokyo 2020), la Nazionale ora punta tutto sugli ultimi due atleti rimasti nelle competizioni individuali: Marco Lodadio, impegnato nella finale agli anelli, e Lara Mori. Che, dopo il mancato accesso alla finali del corpo libero per un solo decimo, è riuscita ad aggiudicarsi un posto tra le 24 migliori atlete la cui sfida nella finale all around è in calendario il primo novembre 2018.

CHI È LARA MORI

Classe 1996, caporale dell’Esercito, due volte campionessa nazionale al corpo libero e un curriculum che vanta ben quattro partecipazioni consecutive ai Campionati del Mondo. Quella di Lara Mori con la ginnastica artistica è una storia che va ben al di là della passione e che, negli anni, ha saputo ripagarla di tutte le volte in cui, a un’uscita con le amiche o a un weekend con il fidanzato, ha preferito la palestra e l’odore della polvere di magnesio. Atleta della Ginnica Giglio e da sempre allenata da Stefania Bucci, il suo esordio in campo internazionale è datato giugno 2010, quando è scesa in pedana in occasione di una quadrangolare a squadre contro Germania, Svizzera e Francia. Competizione che, grazie anche alla sua performance senza sbavature, è riuscita a regalare all’Italia la vittoria.

UN CURRICULUM DA CAMPIONESSA

Dal 2011 in poi Lara è riuscita a collezionare una lunga serie di importanti traguardi, nonostante gli infortuni abbiano provato spesso a fermarla. Grazie alle buone prove nelle gare della serie A2, è arrivata la promozione in massima serie e, dopo diverse vittorie di squadra e qualche competizione individuale andata discretamente, è arrivata ad aggiudicarsi l’oro nazionale per ben due volte nei Campionati Italiani Assoluti di Perugia, nel 2017, e di Riccione nel 2018. Ed è riuscita ad arricchire il suo palmarès di medaglie anche in occasione dell’edizione 2018 dei Giochi del Mediterraneo. A Tarragona ha messo in valigia un oro vinto nella gara a squadre, un oro per l’individuale e un oro per il corpo libero. Sono stati proprio i risultati ottenuti nelle ultime due stagioni ad assicurarle la fascia di capitano del team Italia per i Mondiali di Doha. Dove la attende l’ultima prova: lasciarsi alle spalle quel 23esimo posto che l’ha fatta qualificare alla finale all round e tentare di arrivare alla metà nobile della classifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso