17 Settembre Set 2018 1644 17 settembre 2018

Chi è la giovane campionessa mondiale di ginnastica Anna Basta

Bolognese. Vive e si allena 11 mesi l'anno con le sue compagne. Non ha ancora 18 anni ma ha iniziato quando ne aveva 4. Chi è la più piccola delle "farfalle azzurre" che hanno trionfato a Sofia.

  • ...
Anna Basta Mondiali Ginnastica

È il simbolo delle “Farfalle azzurre ” che hanno trionfato a Sofia e non ha ancora compiuto 18 anni. La bolognese Anna Basta è la faccia dell'Italia vincente dei mondiali di ginnastica ritmica nei quali ha al collo tre medaglie. C’era anche lei, infatti, nel sestetto che ha conquistato l’oro grazie all’esecuzione dell’esercizio misto con tre palle e due funi sulle note di «Eye of the Tiger».

RESPIRA GINNASTICA DA QUANDO HA 4 ANNI

Anna respira ginnastica come l'ossigeno. Ha iniziato a praticarla a quando aveva solo quattro anni e oggi vive e si allena in simbiosi con le compagne per 11 mesi all’anno, presso l’Accademia internazionale di Desio. Tesserata con la Polisportiva Pontevecchio di Bologna, in nazionale juniores già dal 2015, nel 2016 è entrata a far parte delle «Farfalle» della nazionale senior. Già nel 2017 campionessa nei cinque cerchi con la nazionale azzurra ha conquistato anche tre medaglie agli europei di Guadalajara 2018. La palla, che è uno dei cinque attrezzi della ritmica, è la sua preferita. «È un attrezzo che definisco dolce e forte nello stesso tempo: permette infatti movimenti fluidi e flessuosi, quando la si fa scorrere sul corpo, ma anche gesti di destrezza molto decisi e acrobatici», ha raccontato in una recente intervista la ginnasta.

TRE MEDAGLIE A SOFIA

Oltre al già citato gradino più alto del podio conquistato nel misto per la Basta e le altre ragazze azzurre alla Armeec Arena della capitale bulgara è arrivato anche l'argento nel concorso all-around a squadre - che vale il passe- partotut per le Olimpiadi di Tokyo 2020 - e in chiusura della 36esima edizione dei Campionati del mondo anche il bronzo nella finale di specialità dei cinque cerchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso