18 Luglio Lug 2018 0800 18 luglio 2018

Un progetto racconta le donne dimenticate dalla Storia

Il New York Times vuole farsi perdonare, e con lo speciale Overlooked No More recupera i ritratti e le vite di figure straordinarie ignorate dalle sue cronache e dai suoi necrologi.

  • ...
Bessie

Emily Warren Roebling supervisionò la costruzione del ponte di Brooklyn al posto del marito che si era ammalato. Madhubala, la Marylin Monroe di Bollywood, trasformò completamente il cinema indiano. La giornalista afroamericana Ida B. Wells lanciò una campagna contro il linciaggio nel Sud degli Usa. Fannie Farmer rivoluzionò il concetto dei libri di cucina. Nomi di donne che probabilmente non avete mai sentito, ma che hanno incredibili storie alle spalle che vale la pena raccontare. Ci ha pensato il New York Times, che con il progetto Overlooked No More prova a farsi “perdonare” per non aver parlato di queste figure. Dal 1851, ha spiegato il quotidiano, i necrologi (ne sono stati pubblicati migliaia) sono stati dominati dai maschi bianchi. Ora il più importante giornale al mondo ha fatto mea culpa, e si è impegnato a pubblicare ogni settimana il ritratto di una donna straordinaria.

«Perché queste persone non hanno avuto il giusto riconoscimento?», si è chiesta Amisha Padnani, una delle creatrici del progetto, «forse l'impronta che hanno lasciato sul mondo è stata riconosciuta solo dopo decenni che erano morte. O forse alcune di loro sono svanite nell'oscurità, i loro traguardi dimenticati. Può anche essere che il Times abbia saputo delle loro morti quando ormai era passato troppo tempo. O che queste omissioni siano state fatte di proposito, da giornalisti che non hanno dato loro importanza. Ad ogni modo, ora abbiamo l'opportunità di dare a queste donne quello che meritano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso