Elezioni 2018

Elezioni 2018

28 Maggio Mag 2018 1158 28 maggio 2018

Chi è Erika Stefani, nome nella lista ministri di Giuseppe Conte

Doveva essere a capo del dicastero per gli Affari regionali e per le Autonome, invece il premier incaricato ha fatto dietrofront. Conosciamola meglio.

  • ...
Erika Stefani Lista Ministri Conte

Poteva essere una ministra del governo gialloverde tanto voluto dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega Nord ma, con il passo indietro di Giuseppe Conte, l'ex premier incaricato, Erika Stefani si dovrà accontentare di essere una 'semplice' senatrice. Con il 'no' del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Paolo Savona come Ministro dell'Economia, si è aperta una crisi politica che ha visto Luigi Di Maio e Matteo Salvini defilarsi. Il primo ha chiesto la messa in stato d'accusa del Capo dello Stato, il secondo ha chiesto elezioni anticipate. Al momento, però, Mattarella sta considerando un'altra via per la formazione dell'esecutivo: il 'governo del Presidente' e ha convocato Carlo Cottarelli al Quirinale per il 28 maggio 2018. Difficile, quindi, rivedere a stretto giro qualcuno dei nomi presenti nella lista dei ministri proposta da Giuseppe Conte. In attesa di capire cosa succederà, proviamo a conoscere meglio Erika Stefani, senatrice del Carroccio, indicata come possibile Ministra per gli Affari regionali e per le Autonomie.

LA CARRIERA POLITICA DI ERIKA STEFANI: DA TRISSINO A ROMA

Prima di arrivare a Roma, però, la parlamentare della Lega Nord ha fatto una lunga gavetta a livello amministrativo. Prima è stata candidata come indipendente in una lista civica per il comune di Trissino, in provincia di Vicenza, con la quale viene eletta nel 1999. Alle elezioni comunali del 2009, però, si è presentata come candidata del Carroccio, è stata eletta e ha ricoperto le cariche di vicesindaca e assessora all'Urbanistica e all'edilizia privata. La 'svolta' politica è arrivata nel 2013, quando è stata eletta senatrice con la coalizione di centrodestra alle elezioni politiche. Successo ripetuto anche il 4 marzo 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso