Femminismo

Femminismo

19 Maggio Mag 2018 0616 19 maggio 2018 Aggiornato il 21 maggio 2018

Meghan Markle, la femminista (fino al royal wedding)

Dopo il matrimonio non ci sarà più spazio per la vita da attivista. Secondo le regole della Famiglia reale, i membri non possono votare ed esprimere opinioni politiche.

  • ...
Meghan Markle Femminista Attivista Royal Wedding

Ormai è prassi: quando parliamo di Meghan Markle è impossibile non citare il Royal wedding del 19 maggio 2018. Anzi, in diversi casi non si fa riferimento a lei e basta ma si usa l'espressione 'Harry-e-Meghan' o 'Meghan-e-Harry' per parlare semplicemente della coppia. Segno che l'ex star di Suits è ormai tutt'uno con la famiglia reale, con tutti onori e gli oneri del caso, ovviamente. Sì, perché subito dopo il 'fatidico sì', l'ex attrice americana deve rispettare tutte le regole di casa Windsor. Probabilmente, la più indigesta riguarda il fatto che un membro della royal family non può votare e non può nemmeno esprimere opinioni politiche. Un bel guaio per chi si è sempre impegnata in prima linea, come nella campagna elettorale delle elezioni americane del 2017, quando si è schierata con Hillary Clinton, la candidata dei democratici, e ha partecipato a conferenze contro Donald Trump. Senza contare che Meghan Markle si è sempre definita una femminista. E lo ha ribadito anche in occasione della creazione della sua pagina personale sul sito della Royal Family: «Sono orgogliosa di essere una donna e di essere femminista». Ma oltre la citazione, c'è molto di più. La Duchessa di Sussex ha voluto inserire la sua biografia integrale, includendo tutti i suoi impegni politici, in campo umanitario e da attivista.

MEGHAN MARKLE, LA FEMMINISTA

A dirla tutta, la prima volta che l'ex attrice ha protestato per i diritti delle donne aveva soltanto 11 anni. Scrisse alla multinazionale Procter&Gamble per lamentarsi delle pubblicità sessiste dei detersivi: a lavare i piatti era sempre una femmina e la cosa non le andava affatto giù. Tanto che Meghan Markle mandò una lettera anche a Hillary Clinton. Il risultato? Dopo un mese, l'azienda cambiò la campagna pubblicitaria. Negli Anni '90, poi, si iscrisse ad alcuni organizzazioni femministe. Ma non è finita qui. Andrew Morton, scrittore e biografo, l'ha definita ultrafemminista e radicale e ha raccontato che i suoi compagni, a scuola, pensavano che sarebbe diventata una politica e non un'attrice.

MEGHAN MARKLE TRA ATTIVISMO E VOLONTARIATO

L'impegno politico di Meghan Markle, però, non si ferma al femminismo e alla lotta per i diritti della donne. Quando aveva solo 10 anni, l'ex attrice si mise alla testa di un corteo, a scuola, contro la prima guerra del Golfo. Oltre a manifestare, l'ex star di Suits si dedicò al volontariato: dava una mano nelle mense per i poveri di Los Angeles. Più recentemente, nel 2016, è stata anche testimonial di World Vision, una missione umanitaria in Rwanda, Paese dell'Africa centrale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso