30 Luglio Lug 2018 0830 30 luglio 2018

Giornata Mondiale dell'Amicizia, il rapporto più antico del mondo

Il 30 luglio si festeggiano le persone che ci scegliamo come seconda famiglia: gli amici. Un legame che sembra resistere anche alla nostra epoca iperconnessa e sentimentalmente ballerina.

  • ...
Giornata Mondiale Amicizia Tinder Legami Sentimentali

Di recente sono uscita con un ragazzo che a un certo punto ha dichiarato di tenere in gran conto l'amicizia. Mi è sembrata una cosa splendida: per me è lo stesso da sempre. Sono tornata a casa prefigurando una persona cultrice dei rapporti umani, fortuna ormai rara e quindi più che mai preziosa. Mi sono ricreduta qualche giorno dopo, quando a un'ora dal secondo appuntamento mi ha dato buca per poi sparire per sempre nel nulla. Mentre ripensavo a quello che ci eravamo detti, per capire quale poteva essere stato l'intoppo del caso (non fatelo, a volte non ci sono spiegazioni logiche da darsi), mi sono chiesta se avessi dovuto bollare per mega bufala anche quella sua uscita sull'amicizia. Nonostante mi friggesse il fegato per il suo comportamento, ho ammesso con me stessa che quel lampo di empatia umana di cui si era vantato poteva essere preso per vero: puoi fare schifo nei rapporti d'amore, ma essere un drago come amico e amica. E questa è la vera cosa splendida. Il 30 luglio, dal 2011, si festeggia la Giornata Mondiale dell'Amicizia, che di questi tempi sta tornando a essere un oggetto di culto sociale. Se non ci credete, provate a contare quante serie tv siano ispirate all'argomento: finirete ben presto le dita a vostra disposizione.

E mentre ci chiediamo in tutte le salse quali siano gli effetti della nostra società dell'individualismo sull'amore e sul rapporto di coppia, trovando risposte che toccano tutte le gradazioni che dal cinico passano al disincantato fino al penoso (abbracciamo la narrativa della gattara mantenendo sempre una certa dignità, per favore), varrebbe la pena chiedersi se non ci siano degli ambiti dove gli effetti sono, invece, positivi. In un'epoca in cui il concetto di amore liquido è più che inflazionato, l'amicizia può restare il nostro solido faro nella notte.

IN AMICIZIA NIENTE SCORCIATOIE

A pensarci, le applicazioni nate per sopperire ai legami umani riguardano 'solo' la sfera sentimentale e sessuale. Vero che spazi come Tinder e Grindr non hanno molto a che fare con l'Amore, però in un periodo in cui 'più veloce è meglio' nessuno ha trovato il modo di farci conoscere nuovi amici in modi diversi dalla vecchia maniera. Abbiamo sdoganato il fast fashion (che, ok, sta già entrando in crisi) e il fast sex, però nessuno ha ancora avuto il coraggio di sdoganare l'amicizia usa e getta. Forse perché non è una cosa a cui prestiamo così tanta importanza? O forse, al contrario, è perché è rimasta una cosa a cui diamo molto conto e per cui non siamo disposti a scendere a compromessi? Diamoci fiducia e scegliamo la seconda. Del resto, prima delle app di dating c'erano gli appuntamenti al buio, ma neanche quelli sono mai stati usati per conoscere nuovi amici: segno che su questo argomento non si accettano scorciatoie.

WHATSAPP E L'AMICIZIA DI SQUADRA

Poi certo, il peso dell'iperconnessione si fa sentire anche sulle compagnie più collaudate e i rapporti più longevi. Per curiosità ho controllato quante chat di Whatsapp ho in comune con le mie amiche più strette: con una siamo arrivate a 21 gruppi condivisi. Capirete che un po' di confusione comunicativa si crea per forza. Passi che per la maggior parte si tratta di chat non attive, se non proprio ormai fantasma, resta il fatto che la messaggistica rende tutto un po' più pubblico, più di piazza e coram populo. Se fino a qualche anno fa quando ci succedeva qualcosa di bello (per non parlare di qualcosa di brutto) avevamo in mente quella singola persona a cui l'avremmo raccontato, ora è più facile che se ne parli direttamente su un gruppo. Meno marcamento a uomo e più gioco di squadra, insomma. E non è per forza un male. Il male vero è quando condividi una storia su Instragram taggandoti in quel posto super figo dove tu e le tue amiche volevate andare da un sacco, e alla fine tu ci sei andata con qualcun altro: per alcune può essere considerato più grave di un tradimento. E anche se la gelosia non è una prerogativa solo degli Otello, tra amici veri vincerà sempre il perdono. Non importa quanti post compromettenti avrai pubblicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso