Sessismo

Sessismo

9 Settembre Set 2019 1442 09 settembre 2019

Anche Paola De Micheli nel mirino dei sessisti del web

Un esponente di CasaPound ha pubblicato una foto in cui la ministra indossa un vestito leggermente scollato con il commento: «Appena staccato dal turno sulla Salaria». 

  • ...
Paola De Micheli Casapound

«Mi auguro che la sobrietà della maggioranza possa essere contagiosa e orientare positivamente i comportamenti dei cittadini, a iniziare dall'uso responsabile dei social-network, che non di rado diventano ricettacoli di espressioni ingiuriose e di aggressioni verbali. Non posso non stigmatizzare, ancora una volta, gli ignobili attacchi indirizzati, nei giorni scorsi, a due mie ministre, la senatrice Teresa Bellanova e l'onorevole Paola De Micheli, alle quali rinnovo la mia partecipe vicinanza», questo è uno dei passaggi del lungo discorso col quale il premier Giuseppe Conte ha chiesto la fiducia alla Camera. E se il riferimento a quanto successo alla titolare delle Politiche Agricole è chiaro vista la risonanza che ha avuto sui giornali e gli stessi social network, a qualcuno potrebbe essere sfuggito l'attacco di cui è stata vittima la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti sabato 7 settembre. Il luogo del delitto è, come sempre, il mondo social dove tale Andrea Cpi, esponente di CasaPound, ha pubblicato uno scatto di Paola De Micheli alla Camera con un vestito leggermente scollato il tutto corredato dal commento: «Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti… appena staccato dal turno sulla Salaria». Il riferimento del post, poi cancellato, alla strada di Roma nota per la presenza di prostitute. Insomma l'ennesimo caso di becero sessismo politicamente strumentale basato non sulle competenze della persona attaccata, ma sulle sue scelte di look.

LE REAZIONI DAL MONDO DELLA POLITICA

E se per ora Paola De Micheli non si è espressa sulla vicenda, per lo meno tramite social network, immediata è stata la solidarietà da parte dei colleghi dell'esponente Pd. A partire dal segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti che su Twitter ha scritto: «Si torna ad insultare una donna perché fa politica in modo autonomo. E questo si combatte schierandosi e isolando i vigliacchi. Sempre».

Netta anche la condannza di Elena Bonetti neoministra alla Famiglia e pari opportunità: «Ancora insulti sessisti nei confronti di una donna che rappresenta il Paese e serve le Istituzioni. Piena solidarietà a @paola_demicheli. La volgarità e l'ignoranza degli attacchi non scalfiranno il suo e nostro lavoro. Sconfiggere l’odio diffuso nella rete è una nostra priorità», ha twittato.

«Oggi è Paola De Micheli ad essere vittima di volgari insulti sessisti. A lei la mia solidarietà e il mio affetto. A questi uomini piccoli e meschini dico: non piegherete mai la forza delle donne libere, non vi daremo tregua, in tribunale e con l'azione politica. Vergognatevi!», ha scritto la senatrice Monica Cirinnà in un post pubblicato su Facebook.

Oggi è Paola De Micheli ad essere vittima di volgari insulti sessisti. A lei la mia solidarietà e il mio affetto. A...

Geplaatst door Monica Cirinnà op Zaterdag 7 september 2019

Secondo Emanuele Fiano, deputato Pd, Andrea-il-sessista potrebbe essere denunciato: «Immagino che al tipo di Casapound che ha appena dato della prostituta alla nostra Paola De Micheli, ministro delle Infrastrutture, passerà in tribunale la voglia di offendere ancora. Intanto solidarietà a Paola ed un abbraccio. Mi sa che la rete è troppo piccola per contenere tutti i frustrati che si sfogano contro le donne in politica. Di qualsiasi partito siano a loro andrà sempre la mia solidarietà. Denunciate, denunciate, denunciate questi poveretti della tastiera. Gli passerà la voglia», si legge sul suo profilo Facebook.

Immagino che al tipo di #Casapound che ha appena dato della prostituta alla nostra #PaolDeMicheli Ministro delle...

Geplaatst door Emanuele Fiano op Zaterdag 7 september 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso