Violenza Sulle Donne

Violenza sulle donne

17 Giugno Giu 2019 1417 17 giugno 2019

Le criticità del Codice rosso secondo Lucia Annibali

La parlamentare Pd, sopravvissuta a un attacco con l'acido nel 2013, ha detto che la legge che riguarda la violenza sulle donne rischia di restare lettera morta senza risorse finanziarie. 

  • ...
Legge Codice Rosso Violenza Sulle Donne Lucia Annibali

«Ad aprile 2019 un ramo del Parlamento ha approvato il cosiddetto Codice rosso, che crediamo abbia diverse criticità e rischi di restare lettera morta senza risorse finanziarie». Questo l'allarme sulla norma per una corsia preferenziale che assicuri velocità nelle indagini su casi di violenza contro le donne, lanciato dalla parlamentare del Pd Lucia Annibali nel suo intervento a Napoli al convegno Io ci sono. «Sono stati fatti molti passi in avanti dal punto di vista legislativo in questi anni ma credo che il proliferare di norme non sia vincente soprattutto se non sono norme sostenibili», ha continuato l'avvocata pesarese sopravvissuta nel 2013 ad un attacco con l'acido commissionato dal suo ex fidanzato.

LEGGI ANCHE: Le criticità del Codice Rosso secondo il Csm

La parlamentare ha poi sottolineato che la violenza sulle donne e i femminicidi «sono purtroppo casi quotidiani e anche il 2019 è già ricco di episodi in questo senso e per questo è sempre importante parlarne perché quando lo facciamo affrontiamo il tema della società e in realtà di come è il nostro Paese». Lucia Annibali ha infine ricordato come la violenza si annidi nelle disparità tra uomo e donna e come sia un fenomeno che ha radici culturali: «Su quello dobbiamo lavorare andando a scardinare gli stereotipi che sono alla base. Questo problema non è una emergenza sociale ma un fenomeno strutturale della società, quindi bisogna costruire una società che sia più paritaria. Un lavoro che va fatto facendo sentire la collettività coinvolta e responsabile. Serve una visione d'insieme di politiche sociali, economiche, educative non solo giudiziarie. Si deve lavorare sulla prevenzione sensibilizzando i ragazzi nelle scuole», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso