Aborto Testimonianza Pillola Abortiva

Diritto all'aborto

27 Maggio Mag 2019 1328 27 maggio 2019

Elizabeth Warren ha un piano per difendere il diritto di aborto negli USa

Vuole creare una piattaforma di «diritti federali» in grado di bloccare i singoli Stati che puntano a «interferire» con l'attività medica o con la possibilità delle pazienti di accedere ai servizi.

  • ...
Aborto Negli Usa Elizabeth Warren

«Questo è un momento oscuro. Le persone sono spaventate e arrabbiate. E hanno ragione ad esserlo. Ma non è il momento di arrendersi: è tempo di contrattaccare». La democratica Elizabeth Warren lancia il suo piano per la difesa dei diritti delle donne sull'aborto, dopo le leggi approvate in Georgia e Alabama, divenendo così la prima fra i candidati democratici alla Casa Bianca a esporsi pubblicamente sul tema. Attaccando l'amministrazione Trump per cercare di «imbavagliare i medici e diffondere cattiva informazione», Warren, senatrice in Massachusetts, ha proposto un ampliamento dei diritti sull'aborto e chiesto al Congresso di agire creando una piattaforma di «diritti federali» in grado di bloccare i singoli stati americani che puntano a «interferire» o con l'attività medica o con la possibilità delle pazienti di accedere ai servizi di aborto. Warren si è apinta anche oltre, premendo sul Congresso affinché approvi il Women's Health Protection Act, che è stato già presentato e che attende ora di essere discusso e approvato.

Warren ha spiegato di voler proteggere a tutti i costi la la Roe v. Wade, la storica sentenza della Corte Suprema del 1973 che che rappresenta uno dei principali precedenti riguardo alla legislazione sull'aborto e protegge il diritto delle donne all'interruzione volontaria di gravidanza. Come proteggerla? Creando statuti federali che affermerebbero il diritto costituzionale delle donne all'aborto. Questi statuti annullerebbero la legge statale e proteggerebbero l'accesso all'interruzione di gravidanza, anche se un giorno Roe v. Wade venisse rovesciata dalla maggioranza conservatrice della Corte Suprema.

Secondo la Kaiser Family Foundation, il governo federale potrebbe contribuire a coprire gli aborti per ben 14,5 milioni di donne in età riproduttiva. Allargerebbe immensamente l'accesso all'aborto per donne che hanno un basso reddito, coloro che hanno storicamente costituito la maggior parte delle pazienti che hanno abortito, mentre le donne di colore hanno più probabilità delle donne bianche di essere assicurate da Medicaid (programma federale sanitario degli Usa che provvede a fornire aiuti agli individui e alle famiglie con basso reddito salariale, ndr) e le loro interruzioni di gravidanza sono più frequenti. «Dobbiamo reprimere la violenza nelle cliniche per aborti e garantire che le donne non siano discriminate sul lavoro o altrove per le scelte che hanno fatto sul loro corpo», ha detto Warren.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso