We Can Do It!

Diritti

17 Maggio Mag 2019 1257 17 maggio 2019

Perché D'Uva del M5S dovrebbe informarsi su ciclo e coppette

Ad Omnibus il grillino consiglia alle donne prodotti alternativi agli assorbenti dimenticandosi, come gli ricorda Twitter, che l'iva è comunque al 22%. 

  • ...
Iva Assorbenti Francesco Duva Movimento 5 Stelle

Come sappiamo dalla Camera è arrivato lo stop all'emendamento del Partito democratico alla proposta di legge sulle semplificazioni fiscali, sottoscritta dalle opposizioni, di abbassare l'Iva sugli assorbenti al 5%. Una decisione che ha scatenato le reazioni delle associazioni femministe e di tutta la minoranza. Per fortuna però che il capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera Francesco D'Uva ha preso a cuore la questione e alla trasmissione di La7 Omnibus ha spiegato intanto il motivo per cui non è stato possibile procedere con la riduzione dell'Iva su questo tipo di prodotti («non c’era la copertura finanziaria in quel provvedimento). Ma soprattutto si è premurato di chiarire la motivazione etica dietro la scelta: «Noi siamo anche per l’ambiente, non siamo a favore degli assorbenti usa e getta». Essendo D'Uva un signore pragmatico, però è anche entrato nel merito della questione fornendo a tutte le elettrici una soluzione total green: «Ci sono delle possibilità non inquinanti, come le coppette mestruali e i pannolini lavabili».

«No, vabbè, ma ci fate tornare ai pannolini lavabili? Grazie», ha detto incredula la conduttrice Gaia Tortora. E la stessa reazione abbiamo avuto anche noi di LetteraDonna. Ma anche il popolo di Twitter (qui trovate la timeline se volete farvi dure risate amare). Tra i tanti vi segnaliamo Caterina Mongardini che ricorda al grillino come anche le coppette siano tassate al 22%.

Sempre rimanendo in tema di formazione sul tema, Beatrice Brignone di Possibile spiega a D'Uva che non tutte le donne possono utilizzare le coppette.

Immancabile l'intervento di Selvaggia Lucarelli che immaginato un ritorno alla Preistoria.

Alla scrittrice Giulia Blasi invece è rimasto un dubbio:

Infine Sara Sandri ci rassicura: il ciclo non sarà più un problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso