8 Aprile Apr 2019 2125 08 aprile 2019

Le studentesse possono portare i pantaloni anche in North Carolina

Erano obbligate a indossare sempre gonne. Ma tre famiglie si sono ribellate. E i giudici federali hanno deciso che le imposizioni per genere violano la legge.

  • ...
Stop Obbligo Gonne Scuola North Carolina

Si sono dovuti rivolgere a un giudice federale, perché alla scuola statale Charter Day School di Leland nella Carolina del Nord, le studentesse potessero portare i pantaloni e non fossero obbligate a indossare le gonne. La corte federale ha infatti stabilito che le regole sul dress code dell'istituzione scolastica violano il principio di uguaglianza sancito nella Costituzione degli Stati Uniti d'America. In precedenza come ha riportato il sito Lifesitenews, le studentesse non potevano portare i pantaloni: o indossavano le gonne o al massimo maglioni con leggins e short. I pantaloni o pantaloncini, sempre secondo il sito di informazione americana, erano riservati solo ai giorni di gita scolastica o in cui l'orario prevedeva lezioni di ginnastica. I genitori di tre famiglie si sono opposti a queste limitazioni senza senso e hanno portato la loro causa fino ai giudici federali grazie all'appoggio dell'American civil liberties union (Aclu) del North Carolina, cioè il ramo statale della organizzazione americana più conosciuta in termini di tutela dei diritti civili. «Mi sono sentita di schierarmi contro la ridicola idea che le ragazze dovessero indossare una gonna per essere rispettate o per 'promuovere la cavalleria'», ha dichiarato a Today, Bonnie Peltier, una delle tre madri che hanno intanto la causa. «Ho scelto di mandare mio figlio alla scuola che avesse il miglior curriculum accademico, ma questo non voleva dire lasciare chele sue libertà e i suoi diritti civili fossero lasciati sulla porta della scuola», ha spiegato secondo quanto riportato da Lifesitenews. Così il giudice federale Malcom Howard ha dato ragione a questa e alle altre mamme, argomentando che la politica della scuola in fatto di indumenti femminili «fa sì che le ragazze siano costrette a portare un peso che i ragazzi non hanno, solo per il fatto di essere donne», e per questo è discriminatoria. Inoltre queste regole le rende impossibilitate a «giocare liberamente durante la ricreazione, richiede loro di stare sedute scomode in classe, fa sì che siano eccessivamente concentrate su come si siedono, le distoglie dall'apprendimento, e fa loro soffrire inutilmente il freddo sulle gambe o ad indossare leggins sotto le gonne al ginocchio per stare al caldo». Eppure c'è ancora chi sostiene che il codice dovesse essere mantenuto per evitare presunte derive sociali: i conservatori americani sostengono che la caduta degli obblighi per le donne sia sinonimo di libertà di indossare qualsiasi cosa per tutti, con la conseguenza di dare il semaforo verde agli uomini che vogliono mettersi la gonna. Del resto è la storia delle donne, a cui vengono negati diritti elementari per le paure del sesso maschile sul sesso maschile. Per fortuna ci sono ancora famiglie che in nome della felicità dei loro figli fanno, appunto, la storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso