7 Febbraio Feb 2019 1318 07 febbraio 2019

Una Commissione d'inchiesta sul femminicidio si è insediata in Senato

Ha una scadenza di 12 mesi, «con l'obiettivo di raggiungere risultati efficaci per contrastare e prevenire tutti i fenomeni di violenza». Eletta presidente la dem Valeria Valente: «Nessuna donna deve più sentirsi sola».

  • ...
Commissione Inchiesta Femminicidio

Solo nell'ultima settimana, nel nostro Paese, due donne sono state uccise per motivi passionali (a Curno e a Modena), e un'altra, a Vercelli, sta lottando per sopravvivere. In questo quadro drammatico, il 7 febbraio si è insediata in Senato Commissione di inchiesta sul femminicidio: «Lavoreremo tutti insieme, lasciando fuori dalla porta qualsiasi dissidio politico perché abbiamo un obiettivo comune e la volontà di arrivare a soluzioni nuove ed efficaci per contrastare un fenomeno che non è più emergenziale ma purtroppo estremamente radicato». Così, in una nota, le senatrici e i senatori del Movimento 5 Stelle in Commissione, Cinzia Leone (vicepresidente), Alessandra Maiorino (capogruppo), Gelsomina Vono (segretaria), Luisa Angrisani, Danila De Lucia, Susy Matrisciano e Gianluca Perilli. «Nella relazione finale della scorsa Legislatura, la Commissione», proseguono «auspicando il proseguimento dei lavori, ha evidenziato il ruolo di ascolto svolto per le 'tante donne, vittime di violenza, spesso alle prese con procedimenti civili o penali lunghi e faticosi' che si sono rivolte 'alla Commissione stessa per chiedere verifiche e indicazioni o, comunque, per sentire le istituzioni al loro fianco'. La Commissione è stata insediata con una precisa scadenza, 12 mesi, con l'obbiettivo di raggiungere risultati efficaci in tempi certi per contrastare e prevenire tutti i fenomeni di violenza», spiegano.

«NESSUNA PUÒ SENTIRSI SOLA, O PEGGIO ANCORA, COLPEVOLE»

La senatrice del Pd Valeria Valente (nella foto sopra) è la neoeletta presidente: «Questa mattina sono stata eletta quasi all'unanimità presidente della Commissione d'inchiesta sul femminicidio. Ringrazio tutte le forze politiche e i singoli componenti e auguro buon lavoro a tutti e in particolare ai due vicepresidenti e ai segretari, che con me guideranno questo lavoro», ha detto Valente, dichiarando di assumere questo incarico «nella consapevolezza di un lavoro impegnativo e gravoso, che mi impegno ad onorare con massima serietà e dedizione e con un unico obiettivo, che so di condividere con tutti i competenti della commissione: nessuna donna può più sentirsi sola di fronte a una violenza subita, nessuna donna può sentirsi impotente, o peggio ancora, parzialmente colpevole». Secondo la senatrice la violenza di genere «non è un'emergenza, è un fenomeno drammatico è inaccettabile di questo tempo, un fenomeno della vita pubblica, non privata, che va combattuto e vinto anzitutto sul piano culturale, a partire dalle scuole. Il nostro compito è quello di lavorare e dare il nostro contributo, per avvicinarci a questo obiettivo. Io lo farò con tutte le mie forze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso