21 Novembre Nov 2018 1159 21 novembre 2018

Video contro la violenza sulle donne: Carfagna lancia la campagna

L'iniziativa social della Camera che invita a postare un messaggio filmato per la lotta allo stalking e ai femminicidi. Con l'hashtag #nonènormalechesianormale.

  • ...
Carfagna Violenze Donne

L'hastag è #nonènormalechesianormale, perché non ci si può abituare all'idea che leggere sulle cronache un femminicidio ogni tre giorni. Da qui nasce la campagna di sensibilizzazione che lanciata il 21 novembre alla Camera dalla vicepresidente Mara Carfagna - diretta webTv dalla Sala della Lupa- con l'invito rivolto agli utenti dei social a postare un video contro le violenze sulle donne. Vip, personaggi dello spettacolo, dell'informazione, della moda hanno già cominciato a spedire i loro contributi filmati. Ma l'appello è rivolto a tutti, non solo alle donne. A chiunque abbia mamme, figlie, sorelle che non vorrebbe mai vedere ferite, aggredite, minacciate.

DA FIORELLO A BARBARA D'URSO: I TESTIMONI DELLA CAMPAGNA

«Il contributo generoso di decine di donne e uomini del mondo dello spettacolo, della cultura, della moda, dello sport, dell'università, dell'informazione e della politica seguitissimi sui canali social, ha fatto sì che la campagna contro la violenza sulle donne #nonènormalechesianormale, lanciata oggi sul web dalla Camera dei deputati, raggiungesse in poche ore milioni di cittadine e cittadini», ha affermato Carfagna. «Il messaggio viaggia grazie all'autorevolezza dei grandi media, ma anche nei nuovi canali di comunicazione che coinvolgono chi, talvolta, non segue i giornali, i tg, le radio». «Chiunque può contribuire coinvolgendo amici e conoscenti sulle piattaforme social e sul web. Non basta più discutere tra addetti ai lavori, oggi bisogna aprirsi, sfruttare in maniera positiva le potenzialità della rete perché se ne parli in famiglia e nei luoghi di lavoro. Si tratta di un tema drammaticamente diffuso e vicino a tutti noi». Nel video presentato alla Camera compaiono: Fiorello, Barbara D'Urso, Alessandro Borghi, Annamaria Bernardini De Pace, Andrea Delogu, Maria Grazia Cucinotta, Vincenzo Salemme, Paola Turci, Anna Falchi, Bruno Barbieri, Noemi, Bianca Balti, Alessandro Roia, Francesco Montanari, Claudia Gerini.

OLTRE 2 MILIONI DI DONNE VITTIME DI STALKING

Secondo i dati della più recente ricerca dell'Istat sono 2 milioni e 77mila donne (il 18,8% del totale) avrebbero subito stalking da parte degli ex partner al momento della separazione. E il 48,8% delle donne vittime di violenza fisica o sessuale sarebbe stata vittima anche di comportamenti persecutori. In base ai dati dell’Osservatorio nazionale sullo stalking a essere oggetto di molestie sono nell’86% dei casi le donne. Si stima infine che siano 8 milioni 816 mila (43,6%) le donne che nel corso della vita hanno subito una qualche forma di molestia sessuale. Dieci anni fa, prima dell’approvazione del disegno di legge presentato proprio da Carfagna, lo stalking non era neppure considerato. Ora le denunce sono migliaia e crescono le persone incriminate. Dai 9 mila casi segnalati nel 2011 a si è passati agli oltre 13 mila del 2017. Nel 2009 i condannati furono 35, nel 2016 sono stati 1.601.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso