6 Novembre Nov 2018 2134 06 novembre 2018

Il decalogo delle donne di TowandaDem per cambiare il Pd

L'associazione di donne nata per rivoluzionare il Partito democratico e combattere le disuguaglianze nel Paese lancia un documento in vista del Congresso Dem.

  • ...
Towanda Dem Donne Pd Decalogo

TowandaDem, l'associazione di donne nata per cambiare il Pd e combattere le disuguaglianze nel Paese, lancia un documento in vista del Congresso Dem, che è previsto venga presentato in un appuntamento il primo dicembre a Roma. «Tutte in piedi! Per la libertà, l'uguaglianza, la democrazia», annuncia una nota, «è una chiamata collettiva per rispondere agli attacchi del governo e della maggioranza alla libertà delle donne, ma anche un'agenda politica per il congresso del Pd. Per battere le disuguaglianze tra donne e uomini non basta più la politica dei piccoli passi, serve una vera e propria 'spallata'». Il decalogo in vista del Congresso del Pd indica le azioni di intervento:

1. Un serio piano di promozione dell'occupazione femminile, soprattutto nel Mezzogiorno del Paese e la redistribuzione delle responsabilità di cura (bambini anziani e disabili), anche attraverso il sostegno ai caregiver familiari di cui la maggior parte sono donne.

2. Combattere la disparità salariale tra uomini e donne

3. Una nuova legge Mosca per il 50% di donne in tutte le nomine laiche parlamentari negli organi costituzionali

4. La presenza del 50% di personale medico e paramedico non obiettore nei reparti di ginecologia e ostetricia ed un rilancio degli investimenti nei consultori pubblici

5. una legge che preveda il versamento dell'assegno di mantenimento per i figli e/o il coniuge all'Inps e la sua regolare corresponsione dall'Ente stesso che può rivalersi sul coniuge inadempiente

6. Una legge quadro per la piena attuazione della Convenzione di Istanbul e un piano pluriennale di contrasto alla violenza maschile sulle donne

7. Educazione sessuale nelle scuole per prevenire le gravidanze precoci e le malattie sessualmente trasmissibili

8. Introduzione della doppia preferenza di genere nelle leggi regionali, soprattutto nelle regioni in cui governiamo

9. Rispetto del 50-50 in tutte le nomine espresse negli organismi statutari del Pd e nelle liste elettorali a tutti i livelli, divieto delle pluricandidature eccetto che per il segretario/a nazionale e il/la presidente del partito nell'attuale legge elettorale e rilancio della Conferenza nazionale delle democratiche

10. Affermare il metodo della medicina di genere in ogni ambito del Servizio sanitario nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso