We Can Do It!

Diritti

18 Luglio Lug 2018 2214 18 luglio 2018

Le donne potranno andare allo stadio in Iran

Negli ultimi anni sono state molte le campagne per eliminare il divieto discriminatorio di genere. La svolta concessa dal presidente Rohani.

  • ...
Iran

In Iran le donne potranno d'ora in poi andare allo stadio a vedere anche le partite maschili. Lo ha reso noto il vicepresidente iraniano, Masumeh Ebtekar, che ha le deleghe per le donne e la famiglia. Il presidente Hassan Rohani in una recente lettera al ministro dello Sport, Masoud Soltanifar, aveva chiesto la revoca del divieto. Negli ultimi anni, molti attivisti e celebrità hanno fatto campagne per eliminare il divieto discriminatorio di genere. Nonostante questo, molte donne sono entrate in passato negli stadi di calcio, indossando finte barbe, per poi pubblicare immagini sui social media. Durante la Coppa del Mondo appena conclusa, per due volte le donne sono state autorizzate a guardare le partite dell'Iran contro Spagna e Portogallo nello stadio di Teheran, in un maxischermo.

ARRESTATA 18ENNE CHE BALLAVA SENZA VELO SU INSTAGRAM

Nel Paese continuano a registrarsi violazioni dei diritti fondamentali dei suoi cittadini da parte delle autorità. L'ultimo caso, in ordine di tempo, riguarda la diciottenne Maedeh Hojabri arrestata l'8 luglio per aver «violato le norme morali» vigenti da decenni nella Repubblica islamica e che prevedono, tra l'altro, che le donne appaiano in pubblico coperte da un velo obbligatorio e che, in generale, non si balli con la musica occidentale. Hojabri aveva pubblicato circa 300 filmati sul suo account di Instagram, seguito da oltre 40 mila utenti. Molti di questi video la ritraevano mentre ballava, e in alcuni lei appariva senza il velo obbligatorio. Per questo è stata prima arrestata e poi, come spesso accade in questi casi, è stata ripresa dalle autorità in un video trasmesso dalla tv di Stato mentre «confessa» di aver «violato le norme morali», insistendo però che non era sua intenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso