15 Giugno Giu 2018 1300 15 giugno 2018

Matteo Salvini ha spiegato perché è contrario alle quote rosa

«Non mi piacciono. Ho profondo rispetto per tutte le donne e proprio per questo non ho riservato quote speciali per loro». Il ministro dell'Interno ha parlato di Pari Opportunità in un'intervista a Grazia.

  • ...
Matteo Salvini Quote Rosa

In Italia quello delle quote rosa è da sempre un argomento spinoso. Perché secondo noi sono necessarie lo abbiamo spiegato qualche giorno fa, prendendo come esempio il nuovo governo spagnolo guidato da Pedro Sanchez, formato da 11 donne e sei uomini. Mentre nel nostro, di esecutivo, le donne sono appena sei su 45 (sì, avete capito bene).
Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha parlato della questione in un'intervista al settimanale Grazia, dove si è detto contrario: «Non mi piacciono le quote. Sono contrario al concetto stesso di riserva che sia per le donne, gli uomini o i bambini. Ho profondo rispetto per tutte le donne e proprio per questo non ho riservato quote speciali per loro». Come lui la pensa anche Giorgia Meloni: «Già nel verbo riservare c'è una resa culturale: non siamo una riserva, considero le quote rosa un'offesa alle donne. Anzi, siamo l'avanguardia della società. Facciamo la rivoluzione del merito, saranno gli uomini ad avere bisogno delle quote azzurre».

LA PARITÀ NON SI OTTIENE CON LE NOMINE, DICE SALVINI

A Salvini e altri leader politici è stato infatti chiesto cosa pensassero dell'appello fatto dalla vicepresidente della Camera Mara Carfagna per 'rimediare' al numero ridotto di ministre nell'attuale governo, chiedendo all'esecutivo di dare «adeguato spazio alle donne nei ruoli chiave, a partire dalle nomine che dovrà fare nelle società statali e partecipate dallo Stato». Salvini ha spiegato di comprendere la rivendicazione delle pari opportunità, ma di non apppoggiare le quote: «Credo che si raggiungano non con una poltrona o una nomina, ma con la possibilità di poter scegliere. Per questo noi ci battiamo per gli asili nido gratuiti e per l'uguaglianza retributiva. Non è giusto che una donna sia costretta a decidere tra essere madre o manager».

La mia risposta a Matteo Salvini che, nell’anticipazione di un articolo pubblicato su Grazia, sostiene: "Ho profondo...

Geplaatst door Mara Carfagna op woensdag 13 juni 2018

LA RISPOSTA DELLA CARFAGNA: «BRUTTE MA SERVONO»

«Sulle quote rosa io e Matteo Salvini siamo d'accordo: anche a me non piacciono, come fanno fede tutte le mie dichiarazioni dal 2006 a oggi. Ma è un dato di fatto che, nonostante i talenti e le competenze femminili, troppe donne restano lontane dalla gestione della cosa pubblica». La vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia Mara Carfagna ha risposto alle dichiarazioni di Salvini con un post su Facebook: «Credo sia arrivato il momento che anche le donne accedano a ruoli apicali di responsabilità. Perché no? Qualcuno teme di perdere spazi?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso