Scandalo Weinstein

Scandalo Weinstein

10 Ottobre Ott 2019 1925 10 ottobre 2019

Weinstein ricattò la Nbc affinché non rivelasse le sue molestie

Lo racconta Ronan Farrow nel suo nuovo libro. Sapeva che l'anchorman Matt Lauer aveva stuprato una collega, così propose uno 'scambio di silenzi'. 

  • ...
Weinstein Lauer Farrow Nbc Stupro

Le rivelazioni contenute nel libro Catch and Kill di Ronan Farrow, prossima all’uscita negli Stati Uniti, stanno scuotendo la Nbc. Secondo il giornalista premio Pulitzer, infatti, l’ex conduttore del programma Today, Matt Lauer, avrebbe stuprato una collega durante le Olimpiadi invernali di Soci. E l’emittente, in seguito, avrebbe evitato di far scoppiare lo scandalo-Weinstein proprio perché ricattata dal produttore, venuto a conoscenza della violenza sessuale da parte di Lauer. «Se non parlate di me, io non parlo di lui»: più o meno sarebbe andata così.

IL RACCONTO DI FARROW E LA SMENTITA DI LAUER

Ad accettare il ricatto di Harvey Weinstein, venuto a sapere delle malefatte di Lauer attraverso materiali ottenuti dal tabloid National Enquirer, fu il presidente di Nbc News Andy Lack, che rifiutò lo scoop di Farrow («Non aveva una storia all'altezza dei nostri standard», spiegò in un memo ai dipendenti), poi pubblicato sul New Yorker. «Abbiamo detto a Harvey che non andremo in onda. Se lo faremo, sarà lui il primo a saperlo», avrebbe detto il dirigente all’avvocato di Weinstein David Boies, con grande soddisfazione da parte del boss della Miramax: «Se riusciamo a fermare una rete, sarà molto più facile con i giornali». L’episodio attorno a cui ruota tutto il libro Catch and Kill (nel gergo giornalistico statunitense l’espressione indica una tattica ricattatoria usata spesso dai tabloid per ottenere i diritti esclusivi su una storia che danneggia una terza parte e poi sopprimerla) risale al 2014 ed è stato portato alla luce dalla vittima, la producer Brooke Nevils, costretta a un rapporto sessuale in albergo. Da parte sua, Lauer, che è stato licenziato nel 2017 proprio perché accusato di molestie, si è affrettato a smentire l’accaduto: «Non c'è stato nulla di aggressivo in quell'incontro, lei partecipò con entusiasmo e volontariamente. La relazione fu completamente consensuale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso