Sessismo

Sessismo

4 Ottobre Ott 2019 1354 04 ottobre 2019

De Niro è stato denunciato per discriminazione di genere

Graham Chase Robinson, vicepresidente della sua Canal Production, ha chiesto al due volte premio Oscar un risarcimento di 12 milioni di dollari. 

  • ...
Robert De Niro Causa Discriminazione Genere

Contatti fisici indesiderati, commenti e battute a sfondo sessuale. Sono queste le accuse rivolte a Robert De Niro da Graham Chase Robinson, ex vicepresidente della sua Canal Production: la donna, che è stata costretta a licenziarsi ad aprile proprio per l’atmosfera intrisa di sessismo che (a suo dire) si respirava nell’azienda, ha chiesto un risarcimento di 12 milioni di dollari per discriminazione di genere.

LE ACCUSE

«Robert De Niro è rimasto aggrappato alle vecchie tradizioni e non accetta l’idea che gli uomini dovrebbero trattare le donne come uguali», si può leggere nella denuncia: «Non si rende conto che la discriminazione di genere sul posto di lavoro viola la legge. La signora Robinson è rimasta vittima di questa sua attitudine». In ufficio, l’attore sarebbe solito rivolgersi alle dipendenti con appellativi offensivi come «fighette» e «puttane», senza dimenticare appunto qualche contatto fisico di troppo. Inoltre avrebbe lasciato dei messaggi sulla segreteria telefonica di Robinson, chiamandola «troia» e «ragazza viziata». De Niro, inoltre, avrebbe trattato Robinson come la sua «mogliettina dell’ufficio», costringendola a mansioni tradizionalmente femminili (leggasi pulizie varie), le avrebbe negato gli straordinari e l’avrebbe anche pagata meno dei colleghi maschi, minacciando più volte di licenziarla.

SONO GIÀ IN CAUSA

Si tratta della seconda lezione legale che coinvolge De Niro e Robinson, nel giro di pochi mesi. In quella precedente, i ruoli erano però rovesciati: era stato infatti il due volte premio Oscar a chiedere sei milioni di danni alla dipendente, rea di aver sottratto soldi alla società con appropriazioni indebite. Robinson avrebbe infatti pagato con carte di credito aziendali costose cene (anche da 12 mila dollari) nei ristoranti più lussuosi dell’Upper East Side, addebitando inoltre 32 mila dollari di corse in taxi nel giro di due anni. Non paga dello stipendio da 300 mila dollari l’anno, Robinson (appena promossa vicepresidente) avrebbe letteralmente gettato via preziose ore di lavoro trascorrendole su Netflix, arrivando a guardare 55 episodi di Friends in appena quattro giorni. Insomma, tra i due non corre buon sangue, questo è certo. Vediamo come va a finire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso