23 Settembre Set 2019 1957 23 settembre 2019

Arrestato 24enne che picchiava e minacciava la ex di 15 anni

Lei aveva già un aborto alle spalle ed era di nuovo incinta. Aveva deciso di tenere il bambino e di lasciarlo. Lui aveva così iniziato a perseguitarla.

  • ...
Botte Minacce Catania 15 Anni

Picchiata, minacciata e perseguitata anche con un bambino in grembo. Ciò che non dovrebbe capitare a nessuno è invece successo nell’hinterland catanese a una ragazzina di appena 15 anni, vittima del fidanzato di 24. Un incubo a diverse riprese, continuato anche a relazione finita, ed ora finalmente concluso con l’arresto del suo aguzzino.

LE BOTTE ERANO LA NORMALITÀ

Sin dal principio della relazione, la ragazza è stata costretta a subire dal fidanzato ogni genere di sopruso. Le botte, per lei, costituivano infatti la normalità. La situazione si è aggravata quando è rimasta incinta: lui avrebbe voluto tenere il bambino, lei invece abortire. Alla fine la ragazza è riuscita grazie all’aiuto dei medici a mettere fine alla gravidanza e a lasciare il suo carnefice, che però l‘ha riavvicinata, convincendola di essere cambiato. La relazione dunque è ricominciata e, con essa, l’incubo dei maltrattamenti. Rimasta di nuovo incinta dopo aver compiuto 15 anni, decisa a tenere il bambino ma a liberarsi una volta per tutte del fidanzato, la vittima degli abusi si è a quel punto confidata con la madre.

LA FINE DELL’INCUBO

Qui è cominciata per lei la seconda parte dell’incubo, fatta di minacce telefoniche e appostamenti fuori casa: l’uomo, in preda alla furia, è arrivata persino a bruciarle la porta d’ingresso. Terrorizzate, madre e figlia hanno deciso di rivolgersi ai carabinieri quando il 24enne preannuncia loro che avrebbero presto trovato «una sorpresa». Stando a quando ricostruito, a quel punto un maresciallo ha dato loro il suo numero, da utilizzare in caso di bisogno. Che c‘è stato quasi subito: un giorno, a gravidanza ormai avanzata, l‘ex fidanzato della ragazza ha infatti inseguito mamma e figlia in auto e ha finito per speronarle. A quel punto sono intervenuti i carabinieri, che hanno rintracciato e arrestato il 24enne. Ponendo fine a un vero e proprio inferno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso