11 Settembre Set 2019 1411 11 settembre 2019

Camila Mendes ha rivelato di essere stata vittima di uno stupro

In una recente intervista alla rivista Women's Health, l'attrice di Riverdale ha raccontato di essere stata drogata e violentata ai tempi dell'università.

  • ...
camila mendes

Dopo Lili Reinhart, sua collega di set (che, nel 2017, aveva affidato a un post su Tumblr il racconto di un tentato stupro), anche Camila Mendes, star della serie tv Riverdale, ha confessato di essere stata vittima di violenza sessuale. E lo ha fatto in un’intervista a cuore aperto per la rivista Women’s Health, nella quale ha spiegato come la terribile esperienza vissuta quando era solo una matricola della Tisch School of the Arts della New York University le abbia lasciato ferite emotive con cui, negli anni, ha fatto fatica a fare i conti.

IL RACCONTO DELLA VIOLENZA

L’attrice, diventata famosa grazie al personaggio di Veronica Lodge, ha raccontato l’episodio tra le lacrime, ancora visibilmente traumatizzata dall’accaduto, nonostante il tempo trascorso: «Qualcuno mi ha drogato, somministrandomi del roofie (stupefacente generalmente adoperato dagli stupratori per immobilizzare le vittime, ndr.) e, subito dopo, mi ha violentato. Questa cosa ha scatenato in me un tremendo tumulto interiore». Per superare il trauma e le sue conseguenze, Camila ha deciso di farsi tatuare sulle costole «to build a home», un messaggio di rinascita e speranza diventato, ben presto, un mantra a cui affidarsi per ritrovare la forza necessaria a ripartire e ad andare avanti con la propria vita. Ma non solo: la 25enne ha potuto contare anche sull’appoggio incondizionato di uno dei suoi migliori amici (che frequentava con lei la NYU) e che è stato in grado di darle tutto il supporto emotivo e la stabilità che le erano mancate durante l’infanzia e l’adolescenza. «Abbiamo trascorso molto tempo insieme», ha spiegato Camila, «e aver avuto lui ha reso tutto fantastico perché mi ha permesso di avere delle radici e di restare ancorata a terra, senza più il bisogno di dover cercare sicurezza e conferme nelle altre persone».

IMPARARE A STARE BENE CON IL PROPRIO CORPO

Nell’intervista, l’attrice ha parlato anche dei suoi problemi alimentari (soffre di bulimia), sottolineando come discuterne apertamente con i fan l’abbia aiutata a incontrare altre persone nella sua stessa situazione e a confrontarsi con loro. E ribadendo come, in una società che impone di attenersi a certi stereotipi, sia essenziale imparare a stare bene con se stesse: «Quando ero giovane, non avevo modelli positivi da seguire, ci dicevano solo che essere magri era la cosa giusta. Ma quello che conta di più non è l’aspetto fisico, è la salute». Un concetto che ha tenuto a condividere anche sui social, postando una foto della cover che Women's Health ha deciso di dedicarle: «Questa copertina, per me, significa tantissimo, perché mi ci è voluto un po’ per vedere la fiducia in se stessi come il prodotto del benessere fisico e mentale e non della magrezza e dell’apparenza. Sono davvero felice per il fatto che mi sia stata data l’opportunità di diffondere questo messaggio, avrei potuto usarlo molto prima nel corso della mia vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso