30 Agosto Ago 2019 1220 30 agosto 2019

Chi è Madeleine Westerhout, ex assistente di Trump

Avrebbe rivelato informazioni personali su The Donald durante un incontro con dei cronisti. Poi ha rassegnato le dimissioni. Le cose da sapere su di lei. 

  • ...
Madeleine Westerhout Trump Assistente

Come riporta il New York Times, l’assistente personale di Donald Trump ha rassegnato le dimissioni giovedì 29 agosto dopo che il presidente degli Stati Uniti è venuto a sapere che aveva condiviso informazioni sul suo conto durante una cena off the record con alcuni cronisti. Madeleine Westerhout, questo il nome della collaboratrice che fin dal giorno dell’insediamento del tycoon ha lavorato nell’ufficio davanti allo Studio Ovale, avrebbe incontrato i giornalisti in un hotel vicino al suo resort di golf di Bedminster, nel New Jersey: messa all’angolo, non le sarebbe stato più consentito di tornare alla Casa Bianca. Ecco chi è la ormai ex assistente personale di Trump.

I media statunitensi hanno iniziato a conoscere Madeleine Westerhout alla fine del 2016, appena dopo l’elezione di The Donald: si occupava dell’accoglienza degli ospiti che andavano a far visita al miliardario nella Trump Tower di New York. Soprannominata per questo ‘la ragazza dell’ascensore’, è stata presto promossa a sua assistente personale, una sorta di segretaria-tuttofare che aveva il compito di fare chiamate per il presidente e organizzare i suoi appuntamenti.

Madeleine Westerhout è nata nel 1990 a Newport Beach ed è cresciuta a Irvine, sempre in California. Dopo la laurea in Scienze Politiche conseguita presso il College of Charleston, in Carolina del Sud, si è trasferita a Washington, dove ha iniziato a lavorare nell’ambito della comunicazione politica, nonché come personal trainer in una palestra della capitale statunitense. Da sempre fan della famiglia Bush, nel 2012 è stata impegnata nella campagna presidenziale del candidato repubblicano Mitt Romney, poi sconfitto da Barak Obama, nel 2013 ha fatto volontariato nello staff del senatore John Kuhn, mentre nel 2014 ha lavorato a fianco di un altro senatore repubblicano, John Campbell.

A 24 anni, Madeleine Westerhout è entrata a far parte del Republican National Committee come assistente di Katie Walsh. Una volta diventata realtà la candidatura di Donald Trump, ha iniziato a lavorare nel suo staff, spesso al fianco di Reince Preibus, che nel 2017 ha ricoperto poi il ruolo di capo di gabinetto della Casa Bianca. È durante questo periodo nel Republican National Committee che Madeleine Westerhout ha iniziato a ‘scortare’ i visitatori nella Trump Tower, sempre sotto l’occhio attento di Rhona Graff, nello staff di The Donald fin dal lontano 1987. Da lì l’ascesa vertiginosa, fino al ruolo di assistente personale pagato 130 mila dollari l’anno. Secondo il Washington Post, c’erano due modi per parlare con il presidente: chiamarlo al cellulare personale, oppure passare da lei. E proprio Madeleine Westerhout ha alla fine tradito la sua fiducia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso