22 Luglio Lug 2019 1310 22 luglio 2019

Chi è Giuliana Morandini, scomparsa il 22 luglio 2019

Scrittrice raffinata influenzata dalla cultura mittelleuropea, nel libro-inchiesta E allora mi hanno rinchiusa raccontò il dramma delle donne costrette a vivere in manicomio. Aveva 81 anni. 

  • ...
Giuliana Morandini

A 81 anni è scomparsa la scrittrice Giuliana Morandini. Nata a Pavia di Udine nel 1938, aveva vissuto a lungo prima a Venezia e poi a Roma, pubblicando romanzi fortemente permeati da atmosfere mitteleuropee e in cui è sempre stato forte l’attenzione ai problemi femminili. Nei suoi primi tre romanzi, ovvero I cristalli di Vienna, Caffè Specchi (ispirato allo locale storico di Trieste) e Angelo a Berlino evocò le atmosfere di tre città, in una sorta di trilogia con protagoniste tre donne: Elsa, Katharina ed Erika.

L'INCHIESTA NEI MANICOMI

È però grazie a un un saggio pubblicato nel 1977, però, che possiamo considerare Giuliana Morandini un’autrice femminista: E allora mi hanno rinchiusa, libro-inchiesta che raccoglie le testimonianze di 47 donne costrette a vivere in quattro manicomi italiani (a Udine, Siena, Roma e Nocera), registrate e poi trascritte senza alcun filtro. Racconti drammatici, preceduti da una breve presentazione della protagonista e dell’istituto, che videro la luce dopo ricerche effettuate tra il 1975 e il 1976, quando ancora non era entrata in vigore la Legge Basaglia.

L'ATTENZIONE PER LE DONNE

Nel 2001 pubblicò anche Sospiri e palpiti. Scrittrici italiane del Seicento, saggio dedicato a figure come la cortigiana romana Margherita Costa, Cristina Dudley Paleotti, le poetesse Margherita Sarrocchi e Lucrezia Marinelli, così come alle figlie monacate di Galileo Galilei: giànel 1983 Giuliana Morandini aveva curato Lettere al padre, epistolario composto da 124 missive che suor Maria Celeste, nata Virginia Galilei, aveva indirizzato al papà nell’arco di dieci anni, dal 1623 al 1633, dal convento di San Matteo ad Arcetri. Le lettere, oltre ad attestare il rapporto affettivo tra i due, rappresentano anche un’importante documentazione sulla condizione femminile nel XVII secolo. Nel 1980, Morandini aveva inoltre dato alle stampe La voce che è in lei. Antologia della narrativa femminile italiana fra '800 e '900, catalogo ragionato di scrittrici italiane vissute di questi secoli, che le era valso il Premio Viareggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso