14 Giugno Giu 2019 1352 14 giugno 2019

La campagna stereotipata di Veet Italia sulla depilazione

Dando per scontato che le donne a cui si rivolge vogliano essere «vere principesse» (giocatrici dei Mondiali di calcio comprese), non è riuscita nell'intento di realizzare una campagna girl power.

  • ...
Veet Italia Mondiali Donne Principesse

«Le vere principesse non hanno bisogno di un principe azzurro che le salvi, sanno fare da sole». «Le vere principesse ora sono anche pronte a giocarsi un Mondiale». «Le vere principesse non sono quelle delle fiabe. Per Veet, ogni ragazza è una principessa che ce la fa da sola». Questi sono i claim delle ultime tre campagne social di Veet Italia, che vende prodotti per la depilazione. E se per caso non ve ne foste accorte, per Veet le donne devono rispondere a un canone preciso. Essere «principesse». Anzi, «vere principesse». Che cosa vorrà dire, poi, quel vere?

Le vere principesse non hanno bisogno di un principe azzurro che le salvi, sanno fare da sole. #VeetItalia #IoStrappoDaSola

Geplaatst door Veet Italia op Woensdag 12 juni 2019

Siccome stiamo parlando di un marchio che promuove creme depilatorie, rasoi e strisce per la ceretta, possiamo sorvolare sul fatto che questa campagna dia per scontato che ogni donna debba e voglia depilarsi. Devono vendere prodotti per la depilazione: glielo perdoniamo. Quello che invece non va proprio in questa strategia di comunicazione è il provare a proporre un'ideale di donna emancipata senza riuscirsi affatto. Se l'intento è modernizzarsi, rivolgendosi a una donna che, cito testualmente, «ce la fa da sola», perché scivolare sullo stereotipo femminile più antico di sempre, quello delle principesse? Veet è sicura che tutte le sue potenziali clienti vogliano sentirsi tali? È convinta che le giocatrici del Mondiale femminile, sportive di talento che stanno cercando di rompere i pregiudizi su un mestiere considerato da uomini, siano contente di essere dipinte come donne perfette? Forse no. Le calciatrici corrono, sudano, si rotolano nel prato. Le principesse hanno uno chignon perfetto e un abito elegante, indossano la corona e aspettano il Principe azzurro.

Le vere principesse, ora sono anche pronte a giocarsi un Mondiale. Forza Azzurre! #RagazzeMondiali #VeetItalia #IoStrappoDaSola

Geplaatst door Veet Italia op Vrijdag 7 juni 2019

Magari Veet ha pensato che quell'aggettivo «vere» davanti a principesse fosse un escamotage per non cadere nello stereotipo. Ma non basta buttare lì quattro lettere per smorzare un concetto dalla tradizione secolare. E poi crediamo davvero che un hashtag come #IoStrappoDaSola possa diventare qualcosa di vagamente simile a uno slogan femminista? Femminista è scegliere di depilarsi perché ci piace. O di non farlo perché non ci piace. E poi resta da capire perché mai una ragazza che sceglie di farsi la ceretta in casa dovrebbe essere «una principessa che ce la fa da sola?». Strapparsi i peli a casa sarà mica un atto simbolico di emancipazione rispetto a pagare un'estetista?.

Le vere principesse non sono quelle delle fiabe. Per Veet, ogni ragazza è una principessa che ce la fa da sola. #IoStrappoDaSola

Geplaatst door Veet Italia op Dinsdag 28 mei 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso