11 Aprile Apr 2019 1343 11 aprile 2019

La mostra pro-life in una scuola pubblica di Verona

Ventisette pannelli contro aborto e pillola del giorno dopo allestititi nell'atrio di un istituto tecnico. E una circolare che invita i docenti a veicolare l'iniziativa.

  • ...
Mostra Prolife Scuola San Bonifacio Verona

Dopo il Congresso Mondiale delle Famiglie, Verona non abbandona la sua propaganda pro-life. Anzi, la continua addirittura in una scuola pubblica, l'istituto tecnico Luciano Dal Cero di San Bonifacio, nel cui atrio, fino al 15 aprile è stata allestita una mostra di 27 panelli informativi del Centro Aiuto alla Vita. Lo ha raccontato il settimanale L'Espresso, che oltre alle foto dei cartelloni ha pubblicato anche quella di una circolare con cui la preside della scuola Silvana Sartori invita gli insegnanti a «valorizzare tale iniziativa» coinvolgendo i ragazzi. Da anni l'istituto tecnico ospita per circa un mese e mezzo pannelli delle associazioni pro-life: una sorta di 'tradizione' scolastica con cui si celebra la famiglia tradizionale e si stigmatizzano l'interruzione volontaria di gravidanza e la pillola del giorno dopo. I cartelloni descrivono la «drammatica realtà» di cinque milioni di «bambini abortiti in strutture pubbliche o convenzionate in adempimento alla legge 194» e sulla pillola del giorno dopo dicono che «deresponsabilizza il giovane di fronte al valore della vita e della sessualità».

L'ex presidente della Camera Laura Boldrini si è schierata apertamente contro l'iniziativa pro-life: «I talebani che distribuivano gadget a forma di feto al congresso delle famiglie saranno contenti di questa mostra organizzata sui loro temi in un istituto tecnico di Verona. Facciano pure i convegni che vogliono, ma giù le mani dalla scuola pubblica!», ha scritto su Twitter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso