Violenza Sulle Donne

Violenza sulle donne

26 Marzo Mar 2019 2128 26 marzo 2019

Il Codice Rosso contro la violenza sulle donne arriva alla Camera

Via libera della commissione Giustizia alle modifiche al codice di procedura penale relative alla tutela delle vittime di aggresione domestica e di genere.

  • ...
Codice Rosso Violenza Donne Camera

Via libera della commissione Giustizia della Camera al Codice Rosso, vale a dire alle modifiche al codice di procedura penale e relative alla tutela delle vittime di violenza domestica e di genere. Il provvedimento è previsto in Aula a Montecitorio già questa settimana. Una corsia preferenziale per le denunce, indagini più rapide sui casi di violenza alle donne e l'obbligo per i pm di ascoltare le vittime entro tre giorni; e ancora, corsi di formazione ad hoc per le forze di polizia perchè sappiano rapportarsi nel modo migliore alle donne che denunciano.

150 FEMMINICIDI L'ANNO

È questo il cuore del Codice Rosso, approvato dal Cdm il 28 novembre scorso, su proposta del Guardasigilli Bonafede e del ministro Bongiorno. Con l'obiettivo dichiarato di contrastare il fenomeno dei femminicidi, che ha raggiunto una cifra agghiacciante: 150 l'anno. A questo primo nucleo di interventi si è poi aggiunto un nuovo pacchetto di norme antiviolenza donne e minori proposto dal M5s, e voluto dallo stesso Guardasigilli: si prevede l'aumento di pena per i reati di violenza sessuale (da 5-10 anni a 6-12 anni), maltrattamenti in famiglia e lo stalking. E un nuovo reato che punisce con 14 anni di reclusione chi sfregia una donna. Per chi violenta i bambini si prevede il carcere fino a 24 anni. E i reati sessuali sui minori diventano sempre procedibili d'ufficio, senza che ci sia bisogno della denuncia.

LE CRITICHE DEL PD

«Il cosiddetto codice rosso è stata una grande occasione mancata, un'occasione persa. Se doveva essere lì l'inizio di una collaborazione tra il Movimento 5 stelle e le opposizioni, non è successo», a dirlo Alessia Morani, deputata del Pd durante una conferenza stampa a Montecitorio, commentando il disegno di legge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso