Violenza Sulle Donne

Violenza sulle donne

18 Marzo Mar 2019 1634 18 marzo 2019

Cosa prevedono le nuove norme per contrastare la violenza sulle donne

Presentato alla Camera il nuovo pacchetto che affiancherà Codice rosso. Fino a 14 anni per chi sfregia, pene inasprite per i reati di stalking e maltrattamenti in famiglia. 

  • ...
Norme Violenza Donne

Fino a 14 anni di reclusione per chi sfregia una donna. È la nuova misura per il contrasto alla violenza di genere annunciata il 18 marzo in occasione della presentazione del "Pacchetto norme antiviolenza donne e minori". «Viene introdotto nel pacchetto un nuovo reato che punisce severamente chi sfregia una donna. È disposta la reclusione fino a 14 anni per un reato che, ripeto, prima non era previsto», ha spiegato la deputata in commissione Giustizia Stefania Ascari.

AUMENTI DI PENA PER STALKING E MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA

Sono previsti aumenti di pena per i reati di stalking e maltrattamenti in famiglia, fino a sette anni, ha aggiunto Ascari. «Nessuna pietà per chi violenta i bambini», ha proseguito. «È previsto il carcere fino a 24 anni. Non solo, i reati sessuali sui minori diventano sempre procedibili d'ufficio. Non serve dunque più la denuncia».

STRETTA SUL RITO ABBREVIATO PER IL FEMMINICIDIO

«Per stare dalla parte delle donne non servono le parole, ma i fatti», aveva anticipato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in un'intervista a Repubblica. In questi giorni è in discussione in parlamento il cosiddetto Codice rosso, scritto a quattro mani con Giulia Bongiorno. Ma adesso il M5s aggiungerà un pacchetto di poche norme, tra cui l'aumento di pena per il reato di violenza sessuale. Anziché 5-10 anni passiamo a 6-12. Altri aumenti sono previsti per i maltrattamenti in famiglia e lo stalking in modo, nei casi gravi, di dare termini più lunghi per le fasi cautelari e quindi proteggere la vittima». Sul femminicidio, «già al Senato si sta votando una stretta sul rito abbreviato che, vietandolo per i reati puniti con l'ergastolo come l'omicidio, impedirebbe lo sconto di un terzo della pena. Ma stiamo riflettendo anche sul meccanismo delle attenuanti che rischiano, in questa emergenza sociale, di far rientrare il delitto d'onore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso