30 Novembre Nov 2018 1859 30 novembre 2018

Secondo i giovani la violenza sessuale dipende anche dalla donna

Dall'indagine Adolescenti e Stili di Vita condotta su un campione di 2654 studenti è emerso che per 4 giovani su 10 la vittima è corresponsabile degli abusi subiti.

  • ...
Indagine Studenti Violenza Donna

Abbastanza studiosi (a detta loro), poco sportivi ma vicini ai temi sulla sostenibilità, molto social (sebbene usino Google più come un passatempo e meno per informarsi su argomenti come la prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili), ma poco impegnati nel sociale. È questo l'altalenante ritratto offerto dall'indagine Adolescenti e Stili di Vita condotta su un campione nazionale di 2654 studenti delle scuole superiori, realizzata dal Laboratorio Adolescenza e Istituto di Ricerca IARD e presentata il 30 novembre 2018 a Milano. Il dato più allarmante sembra però riguardare un altro aspetto, ossia quello sulla percezione dei giovani rispetto al fenomeno della violenza di genere: sebbene critici nei confronti della società che ancora penalizza le donne e preoccupati per i casi di molestie (che considerano in aumento), il 56,8% dei ragazzi, ma soprattutto il 38,8% delle ragazze ritiene che la femmina sia, almeno in parte, corresponsabile delle violenze subite. A commentare l'allarmante dato è Cinzia Marroccoli, Presidente di Telefono Donna Potenza che afferma: «È la dimostrazione che i giovani sono ancora impregnati di una cultura dominante che cerca di minimizzare l'accaduto e deresponsabilizzare l'autore degli abusi».

«MA TU, DONNA, COS'HAI FATTO PER PROVOCARLO?»

Un dato su cui riflettere, dal momento che affonda la sua ragion d'essere in quel fastidioso «se l'è cercato» tanto duro a morire, ma che pensavamo ormai relegato soltanto al bigottismo moralista dei nostri antenati, e che non ci aspettavamo essere abbracciato anche dai ragazzi della nuova generazione. Del resto lo ammettono anche loro, qualche rigo più giù, nel questionario, che la cultura dominante della nostra società sia ancora intrisa di maschilismo (e a pensarlo è il 68,8% delle ragazze contro il 48,2% dei ragazzi). Un pensiero pericoloso, che di fatto prende le parti del reo, quasi giustificandolo. Perché ciò che sembra tuonare indirettamente dalle risposte degli studenti è la domanda: «Ma tu, donna, cos’hai fatto per provocarlo?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso