30 Novembre Nov 2018 2106 30 novembre 2018

La fondatrice Tarana Burke: «Non riconosco più il #MeToo»

La donna che creò il movimento nel 2006 ha esposto la sua frustrazione al convegno TedWomen: «Ormai è diventato una caccia alle streghe».

  • ...
Tarana Burke Metoo

La fondatrice del #MeToo, Tarana Burke, ha dichiarato che il movimento contro la violenza sessuale da lei creato più di 10 anni fa è diventato «irriconoscibile». Parlando alla conferenza TedWomen a Palm Springs, in California, la Burke ha detto che la furia dei media ha trasformato il movimento in una caccia alle streghe. «Improvvisamente, una campagna che metteva al centro le vittime è diventata un complotto di vendetta contro gli uomini», ha dichiarato, «le vittime vengono ascoltate e subito dopo diffamate».

RIPORTARE IL #METOO ALLE ORIGINI

La sua intenzione sarebbe quella di riportare il #MeToo alle sue origini, quando nel 2006 scrisse le due parole su un pezzo di carta per iniziare ad agire contro la violenza sessuale che osservava di continuo nella sua comunità. La frase è diventato un hashtag globale nel 2017, in seguito all'esplosione del Caso Weinstein, ma la Burke ha dichiarato che ora il movimento si sta dimenticando delle persone che si era ripromessa di difendere.

IL MOVIMENTO DEVE ESSERE PER LE VITTIME

«Il mio progetto è parte di una visione collettiva per avere un mondo libero dalla violenza sessuale», ha detto ai delegati del Ted, «questo è un movimento per quella ragazza su quattro e quel ragazzo su sei abusati ogni anno». La fondatrice ha dichiarato che all'indomani del caso Kavanaugh, i politici «sembrano aver abbandonato la questione». «Il #MeToo è stato definito uno spartiacque, ma certi giorni mi sveglio con la sensazione che sia il contrario», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso