27 Novembre Nov 2018 1828 27 novembre 2018

Denunciato per aver costretto la compagna a mangiare dalla ciotola del cane

A Fiuggi l'uomo, 57 anni, ha sottoposto la donna a vessazioni e maltrattamenti che si sono protratti per anni, obbligandola pure a cucinare rifiuti.

  • ...
Fiuggi Donna Obbligata Mangiare Ciotola Cane

Costretta dal compagno a cucinare rifiuti e anche a mangiare nella ciotola del cane. Un incubo vissuto per lungo tempo da una donna di 54 anni che alla fine, però, ha trovato il coraggio di denunciare tutto alla polizia. Arriva da Fiuggi, cittadina termale in provincia di Frosinone, l'ennesimo caso di violenza sulle donne. Al termine delle indagini i poliziotti del locale commissariato hanno denunciato all'autorità giudiziaria il compagno della vittima per maltrattamenti in famiglia.

DISPOSTO L'ALLONTANAMENTO DALLA CASA FAMILIARE

Per il 57enne è stato disposto anche l'allontanamento dalla casa familiare. Gli accertamenti della polizia sono scattati da alcune denunce presentate dalla donna al commissariato di Fiuggi con cui ha descritto nei minimi particolari i soprusi e le aggressioni verbali subite dal suo compagno. È così emersa una sequenza di vessazioni verbali e fisiche che da tempo era costretta a subire da parte del compagno che, in alcune occasioni, è arrivato al punto di costringerla a cucinare i rifiuti presi da lui stesso nei cassonetti dei supermercati.

COSTRETTA A MANGIARE DALLA CIOTOLA DEL CANE

Poi una volta è arrivata l'umiliazione più grande: dover mangiare nella ciotola del loro cane. Il personale del Settore anti-crimine del commissariato ha analizzato nel dettaglio quel racconto e ha avviato le indagini per accertare l'attendibilità. Gli investigatori hanno così raccolto numerosi riscontri a quanto denunciato dalla donna. A incastrare il compagno anche diverse testimonianze di vicini che hanno detto di aver sentito in varie occasioni le urla della donna. L'Autorità giudiziaria ha così disposto per l'uomo la misura cautelare dell'allontanamento dalla casa familiare, con la prescrizione di non avvicinarsi all'abitazione e in ogni altro luogo abitualmente frequentato dalla convivente e di mantenere, inoltre, una distanza di almeno 100 metri dalla donna qualora dovesse incontrarla casualmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso