Me Too Times Up

#MeToo

26 Novembre Nov 2018 2215 26 novembre 2018

La Zeta-Jones ha difeso Douglas dalle accuse di molestie

L'attrice in un'intervista al Times ha raccontato le difficoltà della sua famiglia affrontate dopo le dichiarazioni di un'accusatrice contro il marito.

  • ...
Intervista Zeta Jones Douglas Molestie

Le accuse di molestie sessuali nei confronti di Michael Douglas hanno scosso la sua famiglia per tutto il 2018. «La vita mia e dei miei figli è stata sconvolta», ha dichiarato al Times di Londra Catherine Zeta Jones, moglie dell'attore dal 2000, in un'intervista pubblicata il 25 novembre, riferendosi al figlio Dylan (18 anni) e alla figlia Carys (di 15 anni).

L'ACCUSA DI UNA GIORNALISTA

«Questa donna è venuta dal nulla e ha detto cose orribili su mio marito», ha continuato la star di Chicago, 49 anni, «io ho avuto una grossa litigata con lui, con i nostri figli presenti». A gennaio, la giornalista Susan Braudy ha raccontato che Douglas, 74 anni, si era masturbato di fronte a lei durante un meeting alla fine degli anni '80, quando lei lavorava per la sua casa di produzione. La star di Wall Street ha dichiarato a Deadline che le accuse erano «una completa bugia, una montatura».

ZETA-JONES: «MI FIDO DI MIO MARITO»

«I miei figli sono veramente abbattuti, e devono andare a scuola preoccupati delle notizie su di me», ha detto l'attore, «hanno paura». Zeta-Jones ha supportato pubblicamente il movimento #MeToo e d'altra parte si è detta convinta dell'innocenza del marito. L'attrice ha detto al Times che Douglas ha rassicurato lei e i ragazzi che «non c'è nessuna storia». «Non c'è niente con cui sostenere le dichiarazioni dell'accusatrice», ha dichiarato la Zeta-Jones, «per ogni accusa falsa che viene fuori, il movimento va indietro di 20 anni». Alla fine tutto è svanito come in una bolla di sapone - a quanto pare la testimonianza della donna non è stata reputata attendibile - ma per la famiglia Douglas le accuse infondate hanno avuto conseguenze pesanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso