21 Novembre Nov 2018 1822 21 novembre 2018

Matteo Salvini e il post che ha scatenato migliaia di commenti sessisti

Ha postato su Facebook la foto di tre ragazze minorenni che protestavano contro di lui. Risultato: sono state ricoperte di insulti e minacce.

  • ...
Salvini Studentesse Commenti Sessisti

Nel week end a Milano, Roma e Napoli migliaia di persone hanno manifestato nelle piazze contro il ministro dell'Interno con il No Salvini Day. Nel capoluogo lombardo il corteo è stato organizzato dai collettivi studenteschi in aperta contestazione con il vicepremier contro «le diseguaglianze e l'alternanza scuola lavoro, la legge di bilancio, l'edilizia scolastica e gli investimenti, il numero chiuso universitario e le scuole sicure». È successo che il 19 novembre, Matteo Salvini ha pubblicato su Facebook la foto di tre ragazze del collettivo dell’Erasmo di Sesto San Giovanni che manifestavano contro di lui. Una di loro teneva in mano un cartello che riportava una citazione del rapper Kento, che citava piazzale Loreto. Risultato: su di lei si sono scatenati migliaia di commenti sessisti, insulti e minacce.

🙃 Poverette, e ridono pure...

Geplaatst door Matteo Salvini op Maandag 19 november 2018

«Andate a fare i pompini», «andate a battere sul marciapiede» sono i commenti più 'gentili' che le hanno rivolto. L'hanno chiamata «zoccola» e «prostituta» e, non essendoci limite al peggio, le hanno augurato di «fare la fine di Desirée». E ancora: «Se tornasse chi hanno trucidato a Piazzale Loreto sperimenterebbero la depilazione a caldo su di loro». Certo, perché nel nostro Paese schifosamente sessista quando l'intento è attaccare un essere umano di sesso femminile la strada è sempre una, la solita: offenderla in quanto donna, chiamarla puttana. D'altra parte, una buona fetta di utenti ha criticato fortemente Salvini per aver postato quella foto, di tre ragazze minorenni, senza consenso, e senza oscurarne i volti, accusandolo di averle esposte alla pubblica gogna e di aver aizzato i suoi sostenitori contro di loro.

CHIESTA UN'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

Il caso è arrivato anche nelle stanza della politica, dove la deputata del Pd Giuditta Pini ha depositato un'interrogazione parlamentare: «Matteo Salvini pubblica su Facebook la foto di tre studentesse minorenni, ree di avere esposto un cartello contro di lui durante una manifestazione, non ne oscura nemmeno il volto e le lancia in pasto alla rabbia dei suoi sostenitori scatenando 12 mila commenti, di insulti e minacce, quasi tutte sessiste», afferma la deputata dem, che «vorrebbe chiedergli conto di tutto questo, perché un ministro dell'Interno che lascia alla pubblica gogna delle ragazze non è degno nemmeno di essere chiamato ministro». Salvini, secondo Pini, «ha dato consapevolmente in pasto ai lupi la stessa incolumità di tre studentesse minorenni, che il suo ruolo dovrebbe tutelare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso