29 Ottobre Ott 2018 1255 29 ottobre 2018

Il discorso femminista di Meghan Markle

Non è nuova all'attivismo per i diritti delle donne, ma è la prima reale a dichiararsi tale. E in visita ufficiale in Nuova Zelanda per i 125 anni del suffragio universale si è fatta sentire.

  • ...
Meghan Markle Nuova Zelanda femminismo

Meghan Markle sta sfruttando il ruolo di Duchessa del Sussex nel modo migliore possibile: per dare visibilità alle cause che le stanno a cuore, come quella femminista. Così, per il primo discorso ufficiale durante la visita reale in Nuova Zelanda, l’attrice americana ha parlato del 125esimo anniversario del suffragio universale nel Paese.

UNA FEMMINISTA IN FAMIGLIA (REALE)

I membri della famiglia reale dovrebbero essere apolitici, ma il femminismo non ha niente a che fare con la politica, e Meghan ha parlato proprio di questo: «Il suffragio universale riguarda il femminismo, ma il femminismo è una questione di equità». Non è la prima volta, e siamo sicuri neanche l’ultima, che la Duchessa parla dei diritti delle donne: già nel 2015, prima di entrare a far parte della monarchia britannica, Meghan era stata rappresentate delle Nazioni Unite per la leadership e la partecipazione politica delle donne. Sul sito web ufficiale della famiglia reale, inoltre, dichiara di essere «una donna e una femminista fiera», a dispetto dei pronostici, che prevedevano un abbandono dell'attivismo. Dal matrimonio con Harry, la 37enne è diventata ufficialmente la prima altezza reale a dichiararsi femminista nella sua biografia ufficiale.

SUL POTERE DELLE DONNE

«Le conquiste delle donne della Nuova Zelanda che hanno partecipato alla campagna per il loro diritto al voto e sono state le prime al mondo a raggiungerlo, sono universalmente ammirate. Prendendo parte a questa occasione così speciale, ho riflettuto sull'importanza di questo risultato, ma anche sull'impatto più grande di ciò che questo simboleggia», ha dichiarato Meghan nel suo discorso. In piedi di fronte al ritratto della Regina Elisabetta II, la Duchessa ha poi aggiunto che «Il suffragio non riguarda semplicemente il diritto di voto, ma anche quello che questo voto rappresenta. Il diritto di partecipare alle scelte per il tuo futuro e quello della tua comunità, il coinvolgimento che ti permette di essere parte del mondo di cui fai parte», e ha concluso dichiarando: «È un diritto umano fondamentale, e fondamentale di tutte le persone, inclusi i membri della società che sono stati emarginati - sia per motivi di razza, genere, etnia o orientamento - di essere in grado di partecipare alle scelte per il loro futuro e la loro comunità».

SULL’EDUCAZIONE

In un altro discorso, durante la stessa visita, all’Università del Sud Pacifico, a Suva, nelle Isole Fiji, Markle ha parlato anche dell’importanza dell’educazione. «So bene quanto possa essere difficile raggiungere l’istruzione universitaria per molte persone, me inclusa», ha spiegato parlando senza peli sulla lingua delle difficoltà di pagare i propri studi, e ha concluso: «Per avere un’istruzione ho dovuto ottenere le borse di studio, lavorando nel campus mentre studiavo e i miei stipendi finivano direttamente nella retta. Senza dubbio, è stata dura, ma ne è valsa la pena».

SUI SOCIAL NON È PASSATA INOSSERVATA

È difficile sfuggire alla lente dei social network, soprattutto quando sei Meghan Markle e hai tutti i riflettori puntati addosso. Ma in questo caso non poteva che finire con una vittoria schiacciante, e infatti gli utenti di Twitter sono impazziti per il successo del discorso femminista.

«Sono fiero della Duchessa. Lei è la reale di cui avevamo bisogno. Un giorno, i libri di storia saranno ricolmi dei suoi successi, della sua bellezza e della sua grazia. Spero che gli storici sapranno descrivere tutto l'amore che sta ricevendo», ha scritto un utente su Twitter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso