11 Ottobre Ott 2018 1821 11 ottobre 2018

Un carabiniere condannato per lo stupro delle studentesse Usa a Firenze

Quattro anni e otto mesi a Marco Camuffo, a processo con rito abbreviato. Il collega Pietro Costa rinviato a giudizio: prima udienza  a maggio.

  • ...
Stupro Studentesse Usa Firenze Carabiniere Condannato

Condannato a quattro anni e otto mesi: è questa la sentenza emessa dal Gup al processo con rito abbreviato a Marco Camuffo, uno dei due carabinieri accusati di aver violentato due studentesse statunitensi nella notte tra il 6 e il 7 settembre 2017, dopo averle riaccompagnate a casa con l'auto di servizio all'uscita da una discoteca fiorentina. Rinviato a giudizio l'altro carabiniere coinvolto nell'inchiesta, Pietro Costa, che non ha scelto il giudizio abbreviato: prima udienza il 10 maggio 2019. Il pm per Camuffo aveva chiesto cinque anni e otto mesi.

ALLA SBARRA CON L'ACCUSA DI VIOLENZA SESSUALE AGGRAVATA

Per lui l'accusa era di violenza sessuale aggravata per aver abusato di una studentessa di 21 anni che aveva bevuto al punto di non essere in grado di opporsi. Il suo collega di pattuglia è stato rinviato a giudizio con le identiche accuse nei confronti di un'altra giovanissima studentessa americana. I due erano stati inviati alla discoteca Flo a piazzale Michelangelo per sedare un litigio e lì avevano incontrato le due amiche straniere, appena arrivate in Italia per un corso di studi: a quel punto si erano offerti di accompagnarle a casa sull'auto di servizio. Erano entrati con loro e ciascuno dei due si era appartato con una delle ragazze. Lo scorso 12 maggio i due carabinieri erano stati destituiti dall'Arma.

L'ULTIMA DIFESA DI CAMUFFO

Camuffo era presente in aula e ha fatto una dichiarazione spontanea. Ha detto che non era stata sua, ma del collega, la decisione di accompagnare a casa con l'auto di servizio le due studentesse. Aggiungendo che la ragazza con cui poi ebbe un rapporto sessuale non aveva detto no ai suoi approcci. La ragazza, invece, ha spiegato sin dal primo momento che era spaventata, considerato anche che l'uomo aveva la pistola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso