10 Ottobre Ott 2018 1714 10 ottobre 2018 Aggiornato il 06 novembre 2018

Le elezioni di midterm Usa nelle mani delle donne

Per i sondaggi la vittoria democratica dipende dall'elettorato femminile. Che per il 63% sta con i dem. Dopo la vittoria di Trump e il caso Kavanaugh, il coinvolgimento rosa è alle stelle.

  • ...
Elezioni Midterm Donne Trump

Le elezioni di midterm potrebbero essere un'occasione d'oro per i democratici anche grazie alle donne. Secondo gli ultimi sondaggi il Partito democratico è avanti con il 50,2% delle preferenze contro il 41,8% dei repubblicani. Una preferenza ampiamente influenzata dal genere: mentre gli uomini sono egualmente divisi tra il partito dell'asinello e quello dell'elefantino, il 63% delle donne intervistate ha dichiarato che voterà per il primo. Mentre solo il 33% sceglie il partito che Donald Trump ha ormai completamente conquistato.

Un'eventuale vittoria dei democratici alle elezioni di metà mandato, dunque, passerà con tutta probabilità dalle donne. Che rispetto alle elezioni presidenziali del 2016 sono anche molto più coinvolte rispetto agli uomini. Un chiaro effetto della battaglia sul giudice Brett Kavanaugh, accusato di molestie sessuali e ciononostante confermato alla Corte suprema, che ha tenuto gli americani attaccati alle televisioni nelle ultime settimane. A quanto risulta dai sondaggi, l'indignazione delle sostenitrici dem di Christine Blasey Ford, la donna che ha testimoniato contro Kavanaugh, ha superato la soddisfazione delle repubblicane nel vedere il giudice scagionato.

LE DONNE ISTRUITE PRONTE A VOTARE IN MASSA CONTRO TRUMP

Negli ultimi mesi la stampa americana ha messo in luce una forte divisione tra due gruppi sociali ben distinti: le donne bianche con alto livello di istruzione e gli uomini, anch'essi bianci, ma con un livello di istruzione più basso. Fino a vent'anni fa non c'erano abbastanza differenze tra i due segmenti, ma ora il primo è pronto a votare dem (con un vantaggio del 33% sui repubblicani), mentre il secondo è propenso a votare in massa per il partito di Trump (con un vantaggio del 42%).

RECORD DI CANDIDATE E DI DONATRICI

Inoltre, un numero record di candidate si è presentato quest'anno (256, 197 dem e 59 repubblicane) e anche le donatrici non sono mai state così generose come in questa tornata. Per un sondaggio del non-partisan Center for Responsive Politics, le donne in questa tornata hanno contribuito al 31% del finanziamento totale dei candidati alla Camera, la percentuale più alta di sempre. Nelle elezioni di midterm del 2014, per esempio, la percentuale era del 27%. Il gentil sesso è sempre stato più schierato verso l'asinello, ma la vittoria di Trump nel 2016 ha aumentato considerevolmente il numero di sostenitrici e il coinvolgimento. Se il partito di Hillary Clinton, Barack Obama e Joe Biden vuole capitalizzare questa marea, deve iniziare a considerare il mondo femminile non come un tema da usare a corrente alterna, ma come un pilastro delle proprie politiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso