Me Too Times Up

#MeToo

10 Ottobre Ott 2018 1830 10 ottobre 2018

L’intervista di Melania sul #MeToo e la crisi con Donald Trump

È la prima rilasciata dalla First Lady dopo un anno di silenzio e non ci sono argomenti tabù: dallo scandalo abusi all’immigrazione.

  • ...
Melania Trump Intervista ABC News

Melania Trump ha rotto il silenzio dopo quasi un anno senza interviste e in uno speciale della ABC News, in onda venerdì 12 ottobre alle 22 negli Stati Uniti, ovvero le 4 di sabato in Italia, la First Lady ha deciso di raccontare tutta la sua verità sulla vita alla Casa Bianca. Secondo le anticipazioni dell'emittente televisiva, infatti, FLOTUS - l'acronimo di First Lady of the United States con il quale è soprannominata in patria - ha dato carta bianca a Tom Llamas, il reporter responsabile degli Affari Interni per il network.

UN ANNO DA FIRST LADY

L'intervista è stata registrata durante il primo viaggio all'estero in solitaria di Melania - in Egitto - e, a un anno dall'elezione di Donald Trump, l'ex modella slovena inizia a tirare qualche somma del tempo trascorso a Washington DC: «È triste vedere che ci sono organizzazioni, o fondazioni che non vogliono collaborare con la nostra amministrazione. Penso che stiano scegliendo la politica piuttosto che l'aiuto ai bisognosi. Non dirò chi sono, non li darò in pasto ai media, ma loro sanno chi sono».

#METOO DOVREBBE ASCOLTARE ANCHE GLI UOMINI

A proposito degli eventi che hanno controbuito a dare forma all'opinone pubblica americana, dalla nascita del movimento #MeToo al caso del giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh, difeso a spada tratta dal presidente Trump, il giudizio di Melania è che bisognerebbe essere caute. «Io supporto le donne, devono essere ascoltate e meritano fiducia. Ma anche gli uomini», ha spiegato la First Lady, che ha poi precisato: «Devono esserci prove inattaccabili per avanzare delle accuse. Non puoi solo dire a qualcuno 'sono stata molestata sessualmente' o 'tu mi ha molestato', perche' qualche volta i media si spingono troppo oltre e le modalità con cui alcune storie sono riportate non è corretta. È sbagliato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso