9 Ottobre Ott 2018 1935 09 ottobre 2018

Kavanaugh sceglie uno staff tutto al femminile

Il neo-eletto giudice della Corte suprema corre ai ripari dopo le accuse di molestie sessuali e le proteste. Sarà il primo nel suo ruolo ad avere solo assistenti donne.

  • ...
Kavanaugh Assistenti Donne

Dopo essere stato accusato di molestie sessuali e ciononostante nominato alla Corte suprema americana, il giudice Brett Kavanaugh cerca di ostentare il suo attaccamento al valore dell'uguaglianza di genere. Nel suo discorso di giuramento alla Casa Bianca, ringraziando il presidente Donald Trump per il suo «saldo» e «risoluto» sostegno durante l'iter di conferma, ha ricordato di aver «promosso l'avanzamento delle donne, ispirato da mia madre», e di aver ingaggiato quattro assistenti legali donne per il suo nuovo ruolo. Sarà il primo nel suo incarico ad avere uno staff tutto al femminile. Una mossa che aveva già annunciato durante la sua audizione al Senato, dopo che il Guardian lo aveva accusato di sessismo nella scelta dei suoi collaboratori. Secondo il quotidiano britannico, quando lavorava a Yale Kavanaugh sceglieva le sue collaboratrici in base all'aspetto fisico. «Non è un caso», ha raccontato uno dei suoi studenti, «che le sue assistenti sembravano delle modelle».

CHI SONO LE QUATTRO DONNE

Il 7 ottobre il New York Times ha reso noti i nomi delle quattro collaboratrici: Shannon Grammel, Kim Jackson, Megan Lacy e Sara Nommensen. Tutte e quattro hanno curriculum assolutamente qualificati. Grammel è l'ex presidente della rivista di legge di Stanford, Lacy ha lavorato nel team della Casa Bianca per la conferma di Kavanaugh, Nommensen ha lavorato al Dipartimento della Giustizia e Jackson aveva già collaborato con Kavanaugh in alcune Corti d'Appello. La loro assunzione arriva dopo che il giudice ha dovuto difendersi da molteplici accuse di molestie sessuali e dopo le proteste di migliaia di dimostranti che si opponevano alla sua conferma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso