Me Too Times Up

#MeToo

1 Ottobre Ott 2018 1729 01 ottobre 2018

Jean-Claude Arnault condannato per stupro: le cose da sapere

Due anni per il fotografo svedese accusato di violenza sessuale. Ma per i giudici è colpevole di un solo di un episodio. Il suo caso aveva travolto l'Accademia svedese che assegna il Nobel.

  • ...
Jean Claude Arnault Condanna Stupro

L'uomo al centro di uno scandalo a sfondo sessuale e finanziario che aveva rischiato di macchiare l'immagine dell'Accademia di Svezia, responsabile del premio Nobel per la letteratura, è stato condannato per stupro a due anni di prigione.

DUE DENUNCE PER STUPRO RISALENTI AL 2011

Jean-Claude Arnault, insigne intellettuale svedese e marito della componente dell'Accademia di Svezia Katarina Frostenson, era stato denunciato per due episodi di violenza sessuale riferiti al 2011. La Corte ha riconosciuto quello che la stampa locale ha ribattezzato «il Weinstein di Svezia» colpevole del primo, mentre è stato assolto per il secondo in quanto la vittima aveva detto fosse stato consumato mentre dormiva e i giudici non hanno giudicato affidabile il suo racconto.

SENTENZA EMESSA ALL'UNANIMITÀ

La sentenza, ha precisato il tribunale di Stoccolma, è stata emessa all'unanimità dal giudice e dai tre giurati. «La conclusione della Corte», ha precisato il giudice Gudrun Antemar, «è che le prove, costituite da testimonianze della parte lesa e di altri testi durante il processo, sono sufficienti a condannare l'imputato per uno dei due episodi contestati oltre ogni ragionevole dubbio».

L'ACCUSA DI MOLESTIE DA PARTE DI 18 DONNE

Nell'aprile scorso Arnault era stato accusato di molestie, attraverso un giornale svedese, da 18 donne. Una indagine interna era poi sfociata in un'inchiesta giudiziaria sui due fatti contestati. In Svezia, lo stupro è punibile con una pena da due a sei anni di prigione. Il pm aveva chiesto per Arnault una condanna a tre anni. L'avvocato difensore aveva già preannunciato un ricorso in appello.

SETTE MEMBRI DELL'ACCADEMIA COSTRETTI ALLE DIMISSIONI

Arnault, 72 anni, ha sempre negato le accuse che avevano travolto l'Accademia nell'aprile scorso, inducendo sette dei suoi membri a dimettersi. Tra questi la moglie, la poetessa Katarina Frostenson. In maggio era stato anche annunciato che quest'anno, a seguito dello scandalo, non sarebbe stato assegnato alcun premio Nobel per la letteratura.

LA RIVELAZIONE ANTICIPATA DEI VINCITORI

Arnault, cittadino francese, è sospettato, tra l'altro, di aver violato le regole del premio rivelandone anticipatamente per sette volte, a partire dal 1996, i vincitori. A tutt'oggi, tuttavia, non è chiaro a chi li avrebbe rivelati né se vi sia un'indagine in corso su questo. L'accademia ha intanto sospeso un finanziamento annuale per l'equivalente di 14 mila dollari riconosciuto a un centro culturale che faceva capo ad Arnault. Peter Englund, uno dei membri del board che si era dimesso allo scoppiare dello scandalo, si è detto «molto compiaciuto» che giustizia sia stata fatta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso