Me Too Times Up

#MeToo

1 Ottobre Ott 2018 1250 01 ottobre 2018 Aggiornato il 08 ottobre 2018

Le accuse di stupro contro Cristiano Ronaldo

La 34enne Kathryn Mayorga sostiene di essere stata violentata nel 2009 a Las Vegas. E di aver taciuto dietro pagamento. Spunta anche l'ombra di una seconda donna.

  • ...
Cristiano Ronaldo Stupro

Ombre dal passato potrebbero portare guai a Cristiano Ronaldo. Una storia vecchia di quasi 10 anni ha fatto riemergere accuse di stupro nei confronti del calciatore portoghese passato alla Juventus dopo «l'affare del secolo» nell'estate del 2018. La notizia è stata pubblicata in esclusiva dal Der Spiegel e il primo ottobre campeggiava nella homepage della Cnn. Una donna americana, la 34enne Kathryn Mayorga, è uscita allo scoperto accusando Cr7 di averla violentata analmente in un hotel di Las Vegas nel 2009, quando il giocatore aveva 24 anni, mentre lei urlava ripetutamente «no» chiedendogli più volte di fermarsi. Secondo l'accusatrice alla fine Ronaldo si scusò, affermando che «era dispiaciuto», perché di solito era «un gentiluomo». Il Sun ha pubblicato un video in cui si vede il calciatore ballare con la donna in discoteca la sera in questione.

RONALDO RESPINGE LE ACCUSE

Ronaldo ha negato tutto e parlato di rapporto consenziente, poi ha replicato su Instagram, bollando la notizia come «fake news» e spiegando che l'intenzione dell'americana sarebbe quella di «farsi pubblicità» col suo nome. Il 3 ottobre, il calciatore ha respinto nuovamente le accuse su Twitter. «Attendo con ansia il risultato di eventuali indagini e processi, perché nulla pesa sulla mia coscienza. Nego fermamente le accuse emesse contro di me. Lo stupro è un crimine abominevole che va contro tutto ciò che sono e tutto ciò in cui credo. Mi rifiuto di alimentare lo spettacolo mediatico creato da persone che cercano di promuovere solo se stesse a mie spese», ha scritto Ronaldo.

SILENZIO PAGATO 375 MILA EURO

Mayorga nella causa sostiene che Cristiano e il suo team di legali, approfittando del suo fragile stato emotivo, la costrinsero poi a firmare un accordo di non divulgazione di quanto era successo: un silenzio comprato con 375 mila dollari. Ora però il legale della donna ha presentato una denuncia in Nevada per contestare quell'intesa. L'avvocato di Ronaldo ha etichettato le notizie riportate dal giornale tedesco come «apertamente illegali» perché violerebbero «i diritti personali e la privacy» del suo assistito.

Cristiano Ronaldo.

Ansa

DISTURBI DA STRESS POST-TRAUMATICO

I fatti, secondo la denuncia, risalirebbero al 13 giugno 2009, proprio nei giorni in cui l'asso portoghese si trasferì dal Manchester United al Real Madrid. Mayorga ha spiegato di essere stata invitata in camera, sorpresa in bagno da Ronaldo che le chiese si fare sesso orale. Al rifiuto della donna, il giocatore l'avrebbe trascinata sul letto, dove si consumò l'abuso. Secondo la causa, la vittima non ha mai denunciato per colpa del «trauma psicologico dovuto all'assalto sessuale» e per «la paura dell'umiliazione pubblica». Ma negli anni in cui Mayorga ha mantenuto il silenzio, la sua salute emotiva sarebbe stata compromessa da disturbi da stress post-traumatico.

L'OMBRA DI UNA SECONDA DONNA

Ma il caso delle accuse a Ronaldo potrebbe essere appena iniziato: l'avvocato della modella americana - secondo quanto riportato dal Daily Mail - ha dichiarato infatti di essere stato contattato da una seconda donna che gli avrebbe confessato di essere stata vittima delle violenze del calciatore. Non ha voluto però farne il nome.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso